full screen background image
Search

Sifus: “I sindacati al posto di protestare a Roma, protestano a Palazzo Orleans dove non c’è nessuno” !

Sifus: “I sindacati al posto di protestare a Roma, protestano a Palazzo Orleans dove non c’è nessuno” !

Qui, quo, qua sbagliano palazzo. Invece di andare a protestare sotto Palazzo Chigi a Roma, o sotto casa Crocetta, o sotto casa dei loro segretari regionali, vanno a protestare a palazzo d’orleans a Palermo. Sara’ la vecchiaia? Ci provano? O ci fanno?

Il disegno di legge finanziaria presentato dal governo musumeci all’ars perche’ lo votasse, come e’ possibile verificare, conteneva tutte le risorse necessarie per garantire la storicizzazione delle risorse con fondi immediatamente spendibili per forestali, consorzi, esa, ecc.
Detta proposta si era resa possibile grazie ad un mutuo di 1 miliardo e 600 milioni.
L’arrivo in aula del disegno di legge finanziaria e’ scontrato, tuttavia, con l’accertamento, da parte della corte dei conti, di un disavanzo di 250 milioni relativo al 2017 che deve essere pagato velocemente.
Detta circostanza ha determinato la necessita’ di tagli significativi a diversi settori,a partire da forestali, consorzi, esa, ecc, ed e’ venuta fuori una finanziaria lacrime e sangue.
Certo, se si fosse proceduto a tagliare gli sprechi ed interventi economici a palermo e catania che si preferiscono realizzare in occasione delle imminenti elezioni europee ( per fare un altro tipo di cassa), gli impegni assunti dal governo musumeci nel disegno di legge finanziaria, nei settori forestali, consorzi, esa, servizi sociali, ecc, si sarebbero potuti onorare ugualmente. Ma si sa, il parlamento e’ sovrano ed ha deciso di usare la cesoia ( saranno poi gli elettori a tagliare le teste più belle).

In questo clima drammatico per tanti settori, una soluzione è rappresentata dal chiedere a governo giallo verde ( ha sede a palazzo chigi) la rateizzazione del disavanzo in 30 anni.
Questa strada della rateizzazione del debito la sta percorrendo sia il governo musumeci anche se il disavanzo, con un colpo di bacchetta magica, sembrerebbe essere diventato di 550 milioni , sia noi del sifus confali con le nostre modeste forze.

Per essere chiari la responsabilita’ oggettiva del disavanzo è del governo crocetta, di cracolici e di tutti gli amici di qui, qui, qua nonche’ in parte, di loro stessi che li hanno sostenuti.
Quindi, qui,quo,qua che col governo musumeci hanno ripreso ad amare i forestali, i consorzi, l’esa, ecc., se vogliono essere coerenti farebbero bene a promuovere scioperi sotto casa di crocetta per chiedere la restituzione delle somme accertate dalla corte dei conti , o sotto casa dei loro segretari regionali per chiederne le dimissioni, o lo promuovano sotto palazzo chigi per chiedere la rateizzazione.
L’unico posto dove non hanno diritto a scioperare ( ma lo facciano pure tanto se ne accorge solo rai 3 nell’ottica della lottizzazione di piddina memoria) e’ sotto palazzo dorleans poiche’ il loro amico acquisito( scambio cirl -permessi sindacali), presidente musumeci contro cui hanno scioperato il 5 febbraio (sotto palazzo d’orleans), coi tagli centra poco

Sifus Confali ha il dovere oltre che il diritto, invece, dall’11 febbraio in poi, a presiediare l’ars poiche’, senza se e senza ma, o con l’ottenimento della rateizzazione del disavanzo da roma o con i tagli agli spechi ed ad investimenti rinviabili, deve rimpinguare i capitoli di forestali esa, ecc ,staticizzando la spesa.Lavoratori vi aspettiamo dall’11 febbraio in poi sotto il parlamento regionale in piazza parlamento n.1 a palermo.
Maurizio Grosso sifus confali



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *