full screen background image
Search

L’Europa brucia, Caldo record in Francia e Spagna !

L’Europa brucia, Caldo record in Francia e Spagna !

TOPSHOT – Un Canadair lascia cadere l’acqua su un incendio nella periferia di Cenicientos, nella Spagna centrale, il 29 giugno 2019. – La Spagna è stata colpita da altri incendi quando le temperature sono rimaste altissime nell’onda di calore europea, hanno detto le autorità, proprio come i vigili del fuoco finalmente riuscì a contenere un altro incendio che stavano affrontando da quasi 72 ore.

Gli incendi bruciati hanno bruciato tratti di terra in Francia e Spagna nel fine settimana, mentre l’Europa si è inondata di temperature da record che hanno spinto il mercurio verso tutti i massimi di domenica scorsa in Germania, uccidendo almeno sette persone. Le temperature nella regione meridionale del Gard in Francia hanno raggiunto il massimo storico di 45,9 gradi Celsius (114,62 ° F) venerdì – più calde della Death Valley in California – innescando decine di incendi che hanno bruciato 550 ettari di terreno e distrutto diverse case e veicoli. Un uomo è morto mentre gareggiava sabato in una gara ciclistica nella regione sud-occidentale dell’Ariège, ai piedi dei Pirenei. Il 53enne si è schiantato dopo essersi sentito male, ha detto il procuratore locale Laurent Dumaine, aggiungendo che la polizia sta indagando sulla precisa causa della morte.

La gara è stata annullata dopo che diversi partecipanti sono stati ammalati a causa del caldo, hanno detto gli organizzatori. Un altro ciclista morì nella regione meridionale del Vaucluse, con le autorità che attribuivano il crollo dell’uomo all’ondata di calore. I meteorologi sostengono che un indebolimento del flusso di getto ad alto livello sta causando sempre più stallo dei sistemi meteorologici e che le temperature estive sono in aumento. Cinque delle estati più calde in Europa negli ultimi 500 anni sono avvenute in questo secolo. Circa 25 dei circa 90 dipartimenti amministrativi in ​​Francia hanno adottato limiti sull’uso dell’acqua anche per l’agricoltura, che potrebbero influire sui raccolti per raccolti estivi come il mais che sono spesso irrigati. “L’ondata di caldo ha colpito anche i vigneti dell’Herault, danni diffusi osservati”, ha detto su Twitter Jerome Despey, un produttore di vino nella regione sud-occidentale della Herault in Francia e capo della camera dell’agricoltura locale, che pubblica foto di uve avvizzite.

RISCHIO ESTREMOIn Spagna, 40 delle 50 regioni sono state poste sotto allarme meteorologico e sette di esse sono considerate un rischio estremo, ha dichiarato l’agenzia meteorologica nazionale. Le temperature a Girona, nel nord-est della Spagna, hanno raggiunto 43,9 gradi venerdì – il più alto mai registrato nella città catalana. La maggior parte degli incendi che hanno colpito la Spagna nei giorni scorsi si sono stabilizzati durante il fine settimana, ma i vigili del fuoco hanno faticato a controllare un incendio nelle province centrali di Toledo e Madrid, che hanno bruciato più di 20 km quadrati da venerdì. Le temperature sono leggermente diminuite domenica, sebbene l’agenzia meteorologica nazionale spagnola abbia previsto che il mercurio potrebbe rimanere oltre i 40 gradi Celsius in alcune parti del paese, in particolare nel nord-est. Negli ultimi giorni sono stati segnalati almeno sette decessi correlati al calore: oltre ai due ciclisti francesi, due persone sono morte in Spagna e tre in Italia.

GARA CONTRO IL RISCALDAMENTO GLOBALE Il servizio meteorologico tedesco ha avvertito di “estremo” il caldo di domenica, prevedendo temperature massime di 39 gradi Celsius dalla Sassonia ad est fino al Reno superiore ad ovest. Questo è appena sotto il massimo storico di 40.3 Celsius. A Francoforte, un evento di resistenza IronMan è andato avanti dopo che gli organizzatori hanno dato un avviso ai 3000 concorrenti per metterli in guardia dai pericoli del surriscaldamento. Hanno fornito 9.000 litri di bevande elettrolitiche e 30.000 litri di acqua per mantenere idratati gli atleti; e 12 tonnellate di ghiaccio per raffreddarle. “Sembrava una gara contro il riscaldamento globale – potresti avere fritto un uovo in testa”, ha detto Sebastian Kienle, secondo classificato. L’Organizzazione meteorologica mondiale ha dichiarato questa settimana che il 2019 è sulla buona strada per essere tra gli anni più caldi del mondo, il che renderebbe il 2015-2019 il periodo quinquennale più caldo. L’ondata di caldo europea è stata “assolutamente coerente” con gli estremi legati all’impatto delle emissioni di gas serra, secondo il WMO. Rivolgendosi a migliaia di persone in piazza San Pietro per un discorso domenicale e una benedizione, papa Francesco ha detto di pregare per le persone che soffrono maggiormente dall’ondata di caldo – i malati, i vecchi, i muratori e coloro che hanno dovuto lavorare all’aperto. “Che nessuno possa essere abbandonato o sfruttato”, ha detto



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *