full screen background image
Search

Governo che cambia….. precarietà siciliana che resta

Governo che cambia….. precarietà siciliana che resta

Se a livello nazionale la situazione cambia in maniera inoffensiva o, diversa a secondo del proprio pensiero  politico, nel sistema regionale siciliano i proclami si spostano in maniera differente per coloro che speravano in un  qualcosa di diverso. I siciliani vengono da un governo in cui Crocetta era martoriato da tutti gli angoli nazionale e non, per le spese,numeri e conti sui Forestali, oggi si assiste ad una situazione che doveva “Diventare Bellissima” ma in realtà non può che essere paragonata al detto sicula: “chiu scuru di mezzanotti un po’ fari”.

Governo ribaltato con l’arrivo di Nello Musumeci e situazione che in pochi casi è cambiata ma, non ha dato quei frutti sperati che il popolo si attendeva. Il Governatore con il suo charme e la sua dialettica nel dire e affrontare i temi, lo pone in una posizione benevole per coloro che hanno già una serenità interna e familiare consona al tenore di vita e cioè con famiglia che lavorano, portando magari a casa due stipendi, quindi fattibile e giusta ai giorni attuali. Far quadrare i conti oggi allo stato attuale in famiglia risulta sempre più difficile e ciò, lo si può rimarcare anche in ambito regionale, pur sapendo che quando si eredita di prendono sia i debiti che i crediti.Testata_Top_Mazara-1

Oggi si scopre che la Regione Sicilia non ha più un euro e dunque  Musumeci deve affrontare dei temi caldi come quello del collegato e le forze politiche “nemiche” che tendono il piede e gli rinfacciano il tutto senza appigli e senza giustificazioni. Dare le colpe al precedente governo è ormai una calunnia o motivazione che si ripete da sempre , dunque facile scaricare il tutto se al momento del subentro, la situazione era uguale o forse peggio. Tutto questo ora, preoccupa i lavoratori siciliani,precari e famiglie che vedono nell’attuale governo non più un movimento di cambiamento ma di radicale e perenne copia di quello passato.

Difficile che si attuino le riforme paventate , come quella dei forestali, tanto attesa dai lavoratori e predicata ormai da tempo. Un futuro pieno di incognite che daranno un’altra delusione per chi credeva nel cambiamento, addolorata  anche da un eventuale rincaro sulle proprie spalle, con costi e gestioni che metterebbero in ginocchio ancor di più il popolo siciliano. Musumeci si era appoggiato a Salvini e al suo movimento come un appiglio di cambiamento ma, le sorti del leader leghista ha portato allo sfacelo del governo nazionale con notevole debacle del Nello, che si trova  a combattere con il nuovo governo nazionale che fa l’opposizione all’ARS…. proprio a Musumeci.

Antonio David

 



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *