full screen background image
Search

Tensioni all’ONU sull’aggressione contro la Siria

Tensioni all’ONU sull’aggressione contro la Siria

Lo scontro sull’attacco missilistico di Usa, Francia e Gran Bretagna in Siria contro l’arsenale delle armi chimiche di Damasco si è spostato al Consiglio di sicurezza nel palazzo di Vetro. Durante una riunione d’emergenza voluta da Mosca, è stata bocciata una bozza di risoluzione proposta dalla Russia che “condannava l’aggressione contro la Siria da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, in violazione delle leggi internazionali e della Carta delle Nazioni Unite”.

Mosca ha anche detto che sarebbe stato opportuno attendere i risultati della missione a Douma degli esperti dell’Opac, inviati sul luogo per fare dei rilievi sulla presenza di agenti chimici.

Per il rappresentante permanente della Russia all’Onu, Vasily Nebenzya, l’attacco congiunto “distrugge il sistema delle relazioni internazionali e rischia di destabilizzare tutta l’area”.

Nikki Haley, l’ambasciatrice statunitense ha fatto sapere che in caso di un utilizzo improprio di armi chimiche da parte del regime di Assad, gli Stati Uniti sono disposti a colpire ancora.

A margine di una riunione degli ambasciatori nella sede della Nato a Bruxelles, il segretario generale Sltotenberg ha sottolineato che l’operazione ha significativamente ridotto le capacità del regime siriano di condurre nuovi attacchi chimici.

Intanto nell’area della Ghouta orientale, la zona dove si trova Douma, dove è avvenuto l’attacco chimico di una settimana fa, che ha ucciso decine di persone, le forze siriane hanno annunciato di aver ripreso il controllo dell’area, da tempo enclave dei ribelli .



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *