full screen background image
Search

Bonifica Villa Martelli: i volontari raccolgono 50 quintali di rifiuti

Bonifica Villa Martelli: i volontari raccolgono 50 quintali di rifiuti

LANCIANO. Uno splendido esempio di cooperazione tra cittadini, associazioni, forze di polizia e volontari è andato in scena questa mattina a Villa Martelli dove in tanti si sono rimboccati le maniche per restituire alla comunità un luogo diventato negli ultimi mesi una vera e propria discarica a cielo aperto. All’appello lanciato dall’associazione Nuovo Senso Civico che ha voluto dare una mano concreta al comando di carabinieri forestali di Lanciano e alla comunità tutta, hanno risposto amministratori, sindaco Mario Pupillo in testa, gli attivisti di Nsc, ma anche tanti cittadini comuni, giovani e meno giovani che hanno aiutato a ripulire una vasta area all’ingresso di contrada Villa Martelli, nella strada di accesso al canile comunale.

Presenti anche gli assessori Davide Caporale, Francesca Caporale, Giacinto Verna, il presidente del consiglio comunale Leo Marongiu, il segretario cittadino di Progetto Lanciano, Daniele Pagano, l’associazione Largo Tappia e tanti altri. In tutto sono stati raccolti una cinquantina di quintali di sacchi di immondizia oltre a rifiuti speciali, pericolosi e nocivi come diverse lastre di eternit con probabile presenza di amianto. La zona in cui è stato rinvenuto l’eternit è stata delimitata e messa in sicurezza dai carabinieri forestali. Il sito interessato dall’abbandono illecito dei rifiuti è stato posto sotto sequestro e affidato in custodia giudiziale al funzionario del settore ambiente del Comune, Antonio Iezzi. A seguito del rinvenimento dell’enorme quantità di rifiuti è stata anche emessa una denuncia contro ignoti e il pubblico ministero ha disposto la bonifica da parte del Comune di Lanciano. Una parte dei rifiuti raccolti è stata già bonificata dalla EcoLan, società che si occupa del servizio di gestione integrata dei rifiuti per il Comune.

“La conclusione di una mattinata di impegno civico per riportare a galla la bellezza di una delle aree più interessanti dal punto di vista naturalistico dell’intero comprensorio frentano – racconta il presidente di Nuovo Senso Civico, Alessandro Lanci – è la consapevolezza che quando cittadini e istituzioni lavorano in sinergia si può sperare che la conclusione del manifesto cantautorale ambientalista di Pierangelo Bertoli, possa essere davvero il viatico di una riscossa. “Eppure il vento soffia ancora” significa non solo che la natura si rigenera prodigiosamente, ma anche che quando c’è la volontà delle donne e degli uomini, si può ristabilire un rapporto vitale con quella natura che continua a darci la vita, nonostante le offese continue perpetrate a suo danno continuamente, da piccoli e grandi inquinatori. In due ore, insieme a carabinieri forestali fuori dal servizio, amministratori e tecnici comunali, insieme ai ragazzi del centro sociale “Largo Tappia”, abbiamo raccolto una quantità di rifiuti di ogni tipo da quelli speciali a quelli pericolosi, insaccati tra i rovi della sponda di un piccolo torrente vicino Villa Martelli. C’era di tutto: da lamiere di carrozzerie a pneumatici, inerti, plastica, vetro, taniche d’olio esausto, batterie di automobili e, precedentemente imbustato per evitare contaminazioni, persino amianto. Tutta roba gettata lì da cittadini che hanno smarrito il senso di comunità e di rispetto per la loro stessa dignità. Uno “spettacolo” di cui parlano eloquentemente le foto che abbiamo scattato. Nell’operazione portata a termine, la prima di una lunga serie in programma, il costo della inciviltà di questa orda di barbari graverà sulle tasche di tutti noi contribuenti per un ammontare stimato attorno agli 80mila euro. Chi abbandona i rifiuti non solo si rende interprete di un reato ambientale ma danneggia anche chi rispetta le regole. Questo stato di cose non è più tollerabile e ci adopereremo con tutte le forze a nostra disposizione con la collaborazione delle istituzioni per debellare questa piaga che vanifica lo sforzo della maggior parte dei cittadini per l’inciviltà di pochi. Questa è solo la prima puntata di interventi utili a scoraggiare i furbi imbecilli che faranno lievitare i costi delle tasse per lo smaltimento dei rifiuti urbani. Non è una minaccia ma una promessa”.

lanciano24



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *