full screen background image
Search

Alto rischio incendi in Svezia. In soccorso due Canadair italiani !

Alto rischio incendi in Svezia. In soccorso due Canadair italiani !

Due Canadair CL 415 del Dipartimento dei Vigili del Fuoco sono sono stati inviati in Svezia, su richiesta dello stesso Governo scandinavo, a supporto delle autorità locali di protezione civile impegnate da giorni a fronteggiare l’eccezionale situazione di alto rischio incendi nel Paese


 

Sono partiti ieri mattina da Ciampino due Canadair CL 415 del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Can 27 e Can 31, diretti in Svezia, a Stoccolma, per fronteggiare l’eccezionale situazione di alto rischio incendi nel Paese scandinavo.  Da diversi giorni infatti un vasto incendio boschivo interessa la Svezia nord-orientale con dozzine di pompieri, personale dell’esercito e cinque elicotteri impegnati sul campo, ma i forti venti e il caldo secco rendono difficile mettere sotto controllo la situazione, con un fronte di fuoco stimato in oltre cinque chilometri quadrati.

I due velivoli italiani sono stati attivati da Bruxelles su richiesta del Governo svedese – d’intesa con il Capo DPC, Angelo Borrelli, e il Capo VVF, Bruno Frattasi, nell’ambito del Meccanismo Europeo di Protezione Civile, strumento dell’Unione Europea nato per rispondere tempestivamente ed in maniera efficace alle emergenze che si verificano su un territorio interno o esterno all’Unione, attraverso la condivisione delle risorse di tutti gli Stati membri.

Date le ore di volo e lo scalo tecnico necessarie per raggiungere lo scenario delle operazioni, si prevede che i due Canadair possano operare già dalla mattina di oggi, lunedì 11 giugno. A supporto dei piloti, al fine di tenere i necessari contatti con le autorità locali di protezione civile, saranno sul posto anche rappresentanti del Dipartimento della Protezione civile italiano e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

 

red/pc
(fonte: DPC/RaiNews)


Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *