full screen background image
Search

Agricoltura, Liguria virtuosa nell’uso dei fondi

Agricoltura, Liguria virtuosa nell’uso dei fondi
La Regione risulta la migliore in Italia: nel 2014 spesi 246 milioni, pari all'85 per cento del Psr. Barbagallo: "Nel 2015 arriveremo al cento per cento".

Liguria – Anche nel 2014 la Regione Liguria ha raggiunto gli obiettivi di spesa previsti dal Programma di sviluppo rurale (Psr), malgrado le difficoltà della crisi economica e finanziaria. Un risultato che la fa svettare in testa alle regioni italiane.

Il positivo risultato è stato ufficializzata a fine anno da Agea, l’Agenzia governativa che contabilizza le spese effettuate dalla maggior parte delle regioni italiane. Tutti i fondi destinati dall’Unione europea allo sviluppo rurale della Liguria sono stati quindi spesi. Neppure un euro sarà restituito a Bruxelles.
Tra le regioni che utilizzano Agea per i propri pagamenti, la Liguria è la regione più virtuosa, avendo speso fino a oggi l’85% dei fondi programmati (per un totale di oltre 246 milioni), contro una media italiana del 79%. La Liguria, inoltre, vanta storicamente un primato nella qualità dell’utilizzo dei fondi. In Liguria, infatti, la spesa per investimenti produttivi e ambientali è molto più alta che nel resto del Paese.

I fondi del Psr sono stati spesi per sostenere numerose iniziative, tra cui gli investimenti nelle imprese agricole e forestali, l’avvio di nuove imprese agricole condotte da giovani, la formazione professionale degli agricoltori, le infrastrutture rurali, il miglioramento delle foreste, lo sviluppo della banda larga nelle zone rurali. “Il 2015, appena iniziato, è l’ultimo anno utile per utilizzare i fondi del PSR 2007-2013. L’obiettivo della Regione Liguria è spendere, bene, il 100% dei fondi europei”, afferma Barbagallo.

 

Notizie La Spezia



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *