full screen background image
Search

AGROALIMENTARE, MANCA ELETTO SEGRETARIO DELLA FAI CISL SICILIA

AGROALIMENTARE, MANCA ELETTO SEGRETARIO DELLA FAI CISL SICILIA
Il nuovo numero uno è stato votato dal congresso straordinario della federazione che nell’Isola associa 32 mila lavoratori, presenti il segretario della Cisl regionale Cappuccio e il leader nazionale della categoria, Rota. Per Manca, in Sicilia va aperta una stagione di riforme su forestali, consorzi di bonifica, pesca e Esa. E sul dissesto idrogeologico: «Con 10 milioni investiti in prevenzione se ne risparmierebbero 100 che si è poi costretti a spendere»

 

Pierluigi Manca, romano di padre sardo ma siciliano di adozione, è il nuovo segretario generale della Fai Cisl Sicilia, la federazione cislina dei lavoratori agricoli, dell’agroalimentare e dell’ambiente. È stato eletto nel pomeriggio dal congresso straordinario della categoria che in Sicilia associa 32 mila lavoratori e che Manca ha retto dal 2017 quale commissario. Il neo-segretario regionale ha alle spalle una militanza sindacale iniziata nel 1990, che lo ha impegnato prima nel dipartimento Industria della confederazione nazionale Cisl, a Roma, poi al vertice nazionale Fai. Presenti il segretario della Cisl Sicilia Sebastiano Cappuccio e il leader nazionale della Fai Cisl Onofrio Rota, Manca ha parlato di rilancio dei settori agroalimentare e ambientale siciliani: «Alla Regione – ha detto – chiediamo di aprire una stagione di riforme su forestali, consorzi di bonifica, pesca e Esa: tre asset strategici per la valorizzazione del patrimonio ambientale e avamposto di ogni strategia contro il dissesto idrogeologico». E aproposito di dissesto, ha sottolineato che «il 70% del territorio siciliano è a rischio: con 10 milioni di euro investiti in prevenzione se ne risparmierebbero 100 che si è poi costretti a spendere per il ripristino delle opere distrutte». «L’agricoltura – ha affermato Cappuccio – deve marciare su due direttrici: produttività. E sviluppo ecosostenibile. Ma il settore ha anche bisogno di una redistribuzione del reddito di filiera. Anche per questo va continuata senza sconti la battaglia, che è anche battaglia di civiltà, contro il cancro del capolarato». Sul caporalato si è soffermato pure Rota. «La federazione – ha reso noto – ha avviato anche in Sicilia una campagna di ascolto e denuncia mettendo a disposizione dei lavoratori il numero verde 800-199100». Sos caporalato il nome dato alla «mobilitazione contro lo sfruttamento del lavoro agroalimentare». Rota inoltre ha sollecitato «una regia nazionale partecipata del piano del governo, Proteggi Italia». (ug)


Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *