full screen background image
Search

Avellino – Lotta agli incendi boschivi

incendio forestale
Nell’approssimarsi del periodo di massimo rischio per il fenomeno degli incendi boschivi, che ormai da anni vede la provincia di Avellino al terzo posto per numero di eventi nella classifica nazionale, e nelle more dell’approvazione del Decreto di massima pericolosità da parte del Presidente della Giunta Regionale della Campania,  il Corpo Forestale dello Stato ha intensificato l’attività di controllo del territorio, per prevenire e reprimere quello che, attualmente, è il reato ambientale  più severamente punito dal nostro ordinamento (con la reclusione fino a  dieci anni, nell’ipotesi non aggravata).

Chiunque avvisti un incendio boschivo può comporre il numero di emergenza ambientale del C.F.S. 1515, che allerterà la pattuglia più vicina onde procedere alla verifica della segnalazione (preferibilmente, non anonima) e al coordinamento degli interventi di spegni

mento.

La bruciatura di residui vegetali, anche nei terreni coltivati o incolti, è una pratica da ritenersi non più consentita alla luce delle nuove norme contenute nel “Testo unico Ambientale” d.lgs 152/2006 s.m.i., essendo assimilabile ad uno smaltimento di rifiuti non autorizzato; si ricorda come ogni anno un numero elevato di incendi (colposi, puniti anch’essi con la reclusione, fino a cinque anni) sia causato propri da operazioni di ripulitura dei fondi.   Il bosco è “un bene insostituibile per la qualità della vita” (art.1 legge 353/2000 legge quadro in materia di incendi boschivi). Ognuno di noi, riferisce il Corpo Forestale dello Stato,  può, e deve, contribuire alla sua tutela.
Vetrina Ricami
Vetrina Ricami


Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *