full screen background image
Search

Il ballo dei dirigenti si sposta a Gennaio. Incerto quello del Corpo Forestale !

Il ballo dei dirigenti si sposta a Gennaio. Incerto quello del Corpo Forestale !

Si attende la nomina di Maria Mattarella a segretario generale di Palazzo d’Orléans. Sarà chiamata a svolgere un ruolo di collegamento dei direttori tra i vari dipartimenti. Una cerniera piuttosto “intermittente” nell’era di Rosario Crocetta.

Riempita la prestigiosa casella occupata dal 2012 da Patrizia Monterosso, partirebbe la rotazione di altri dirigenti. Tra questi Giovanni Bologna, ragioniere generale, che non disdegnerebbe un passaggio all’Ufficio legislativo e legale. In pole position tra i dirigenti c’è Fulvio Bellomo, responsabile delle Infrastrutture. Potrebbe essere un jolly per diverse soluzioni, anche se l’opzione più probabile è che porti avanti il complesso mosaico di opere pubbliche nel Dipartimento in cui già si trova.

In crescita le quotazioni di Rosolino Greco, attualmente direttore del Fondo pensioni della Regione. Per lui le ipotesi al momento contemplate riguarderebbero le Attività produttive, posto attualmente ricoperto da Alessandro Ferrara, o le Autonomie locali. Meno probabile, ma non escluso, anche il turn over alla Funzione pubblica, postazione occupata da cinque anni da Luciana Giammanco.

Dario Cartabellotta potrebbe fare ritorno all’Agricoltura, lasciando la Pesca, mentre nel caso in cui Gianni Silvia dovesse andare a breve in pensione, si libererebbe anche la casella della Formazione professionale, alle prese con l’intreccio di ricorsi dell’Avviso 8 e le partenze di alcuni corsi dell’ex Obbligo formativo.

Probabile anche la rotazione di Vincenzo Falgares, responsabile del Dipartimento della Programmazione dal giungo del 2013. Rimarrebbe da capire anche in questo caso la tempistica, e soprattutto se avverrà ugualmente l’avvicendamento con altri dirigenti dell’amministrazione regionale, nel caso in cui i nomi esterni alla Regione, tra cui Gianni Bocchieri e Roberto Sanfilippo, non fossero nel breve periodo nominabili.

Incerto anche il destino dei dirigenti nominati lungo l’intero arco del 2017 dall’esecutivo Crocetta. Tra questi Carmelo Frittitta, ex capo di gabinetto di Maurizio Croce al Territorio e oggi all’Urbanistica, e Fabrizio Viola, a capo del Corpo Forestale.

Poi ci sono le nuove scelte di Nello Musumeci che difficilmente si limiterà soltanto a spostare singole pedine da un posto all’altro della burocrazia regionale. L’esigenza di creare spazi e sponde anche alle ragioni della politica, potrebbe giungere, in alcuni casi, a compensazione dei malpancisti e degli scontenti nei territori, dopo la nascita del governo. Risarcimenti reali o presunti, quel che è certo che in ruoli chiave come Sanità, Agricoltura ed Economia, i dirigenti da mandare in campo dovranno essere in piena e assoluta sintonia con l’appeal del nuovo esecutivo.



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *