full screen background image
Search

Bari, ordinanza su incendi boschivi !

Bari, ordinanza su incendi boschivi !

Anche quest’anno è stato confermato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi per il periodo 15 giugno – 15 settembre. Viene quindi reiterato il decreto n. 46 del 2 aprile 2015  e il Comune di  Bari– nella persona del sindaco, in quanto autorità comunale della Protezione Civile,, recependo quanto disposto ha emanato un’ordinanza con la quale invita i proprietari, conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo dei siti, a bonificare, in collaborazione con il Comune, i cigli stradali prospicienti le loro proprietà mediante rasatura, bruciatura o estirpazione delle erbe e/o sterpaglie.

L’ordinanza inoltre “ordina” ai proprietari e conduttori e/o gestori a qualsiasi titolo di fondi rustici, terreni e aree di qualsiasi natura e loro pertinenze, incolti e/o abbandonati, di eseguire entro il 15 giugno 2016, le necessarie opere di difesa passiva di prevenzione antincendio, da attuarsi con la pulizia dei siti stessi. I proprietari, conduttori e/o gestori dei siti inoltre dovranno provvedere alla rimozione di erba secca, sterpaglie, residui di vegetazione ed ogni altro materiale infiammabile. Le multe per chi non rispetta l’ordinanza sono salate: da 25 a 500 Euro.

Ricordiamo in breve le linee generali del Decreto con cui il Presidente della Regione ha dichiarato nel 2015 lo stato di grave pericolosità per gli incendi in tutte le aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo della Puglia dal 15 giugno al 15 settembre Numerosi i  divieti (fuochi di ogni genere, mine o esplosivi, apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, motori , fornelli o inceneritori che producano faville o brace, fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate, fumo, fiammiferi, sigari o sigarette accese, attività pirotecnica, fuochi d’artificio, razzi di qualsiasi tipo e/o mongolfiere di carta, lanterne volanti dotate di fiamme libere, altri articoli pirotecnici, transito e/o sosta con autoveicoli su viabilità non asfaltata all’interno di aree boscate, transito con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, gravate dai servizi di pubblico passaggio, abbandono di rifiuti nei boschi e in discariche abusive); cui lo scorso anno si aggiunto il divieto di bruciare stoppie, residui vegetali e vegetazione spontanea su terreni incolti e a riposo.

Se lo scorso anno il Servizio Foreste della Regione Puglia  aveva  messo a disposizione di finanziamenti  a favore delle Amministrazioni locali per i primi necessari interventi di manutenzione preventiva (quelli, appunto, indicati nell’ordinanza del Sindaco, come la rimozione di stoppie da tratti di strada e canali a rischio incendi), per quest’anno non è stata ancora quantificata la somma messa a disposizione dei progetti..



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *