full screen background image
Search

Il nuovo codice della strada. Moto 125 in autostrada e multe più salate

Il nuovo codice della strada.  Moto 125 in autostrada e multe più salate

Arrivano tempi duri per i trasgressori del Codice della strada. Il testo base predisposto da M5s e Lega – sono state accolte anche alcune proposte dell’opposizione – dovrebbe essere votato domani nella Commissione Trasporti della Camera. Senza l’aumento della velocità a 150 km/h sulle autostrade a tre corsie, senza la possibilità per le biciclette di andare contro mano e senza il divieto di fumo alla guida. La svolta riguarda soprattutto l’inasprimento delle sanzioni. Viene introdotto il divieto di uso di «smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento della mani dal volante».

Per la prima violazione la sanzione amministrativa pecuniaria attualmente prevista (da euro 161 ad euro 647) viene innalzata ad una somma compresa tra euro 422 ed euro 1.697 e viene introdotta la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 7 giorni a due mesi. Nel caso in cui il trasgressore «compia un’ulteriore violazione nel corso di un biennio, viene introdotta una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 422 a euro 1697, che si aggiunge alla già prevista sanzione accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi». Viene raddoppiata pure la decurtazione dei punti patente (da 5 a 10 punti).

Ecco le novità: parcheggi gratis per le vetture destinate ai disabili. Per chi sosta sugli spazi destinati ai disabili o parcheggia sui marciapiedi è previsto un aumento della decurtazione dei punti (da due a quattro) e l’aumento delle sanzioni amministrative. Le multe per gli automobilisti vanno da un minimo di 161 euro (non più 85) ad un massimo di 647 (non più 334), raddoppiata anche la cifra per i ciclomotori: la sanzione va dagli 80 ai 328. Prevista anche una decurtazione di 2 punti per la sosta su spazi riservati alla ricarica dei veicoli elettrici. «Si modifica l’articolo 115 del Codice della strada sui requisiti, di età e psicofisici, per la guida dei veicoli e la conduzione di animali»: chi non ha i requisiti e viene coinvolto in un incidente stradale pagherà il doppio della sanzione rispetto a quella prevista attualmente (ora va da un minimo di 85 ad un massimo di 338). Nel caso di un rifiuto a sottoporsi all’accertamento ci sarà una sanzione amministrativa da euro 422 ad euro 1.697. Si interviene poi sulla disciplina della guida «sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope»: «A seguito della modifica il reato si configura al solo ricorrere della presenza di una sostanza stupefacente nel corpo del conducente». Si prevede inoltre che «l’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope» possa essere «dimostrato attraverso gli accertamenti sulla saliva effettuati, nel rispetto dell’integrità fisica, presso laboratori accreditati, fissi o mobili»

iltempo



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *