full screen background image
Search

Da Sanremo un appello ai vip: “Sostenete il Corpo Forestale. L’Italia ne ha bisogno”

Da Sanremo un appello ai vip: “Sostenete il Corpo Forestale. L’Italia ne ha bisogno”
Un appello ai vip impegnati nel festival della canzone italiana affinché si uniscano alle associazioni ambientaliste per salvaguardare il Corpo forestale. Tre giorni di protesta a Sanremo che sono cominciati ieri 11 febbraio, con un volantinaggio davanti al Teatro Ariston, per dire ancora una volta no alla militarizzazione del Corpo forestale dello Stato e no all’assorbimento da parte dell’Arma dei carabinieri. E’ l’ultima delle battaglie dei sindacati della forestale, ormai pronti a tutto. I decreti attuativi della riforma della pubblica amministrazione voluta dal ministro Madia sono, infatti, ormai in dirittura d’arrivo e il futuro dei forestali sembra ormai segnato. I forestali peró, non si rassegnano e con la protesta sanremese provano ad alzare tiro.
“Non serve all’Italia – dice Marco Moroni, leader del Sapaf, la prima organizzazione per numero di iscritti dei forestali – militarizzare campagne, montagne e parchi. Tutte le principali associazioni ambientaliste, autorevoli esperti, persino magistrati hanno pubblicamente espresso contrarietà per questa scelta. Ciò nonostante il governo ha deciso di andare per la propria strada”. Per questo i forestali, che già da mesi sono mobilitati con manifestazioni, proteste e presidi, non intendono lasciare nulla di intentato. E dopo Sanremo ci saranno altre iniziative.
“Ci piacerebbe – afferma Moroni – che qualcuno dei vip che fanno passerella a Sanremo e che spesso si riempiono la bocca con i temi ambientali, facesse davvero qualcosa di concreto per difendere l’unica forza di polizia civile specializzata che contrasta le ecomafie e che difende la salute dei cittadini. E’ di queste ore, non a caso, la notizia di una maxi operazione del Corpo forestale in Puglia contro alcune sofisticazioni relative addirittura alle olive che sono state colorate artificialmente con sostanze tossiche per renderle più appetibili nei nostri supermercati. I cittadini saranno meno sicuri senza la forestale”. I carabinieri non potrebbero fare le stesse cose? “Massimo rispetto per l’Arma – dice ancora il segretario generale del Sapaf -,ma disperdere il nostro patrimonio unico di conoscenze e professionalità, mettendo le ‘stellette’ a chi si occupa di prevenzione e repressione dei reati ambientali e delle sofisticazioni alimentari, non potrà che creare danni. Il Corpo forestale dà veramente fastidio alla lobby degli anti ambientalisti? La nostra battaglia non finisce qui”.

 

quotidiano.net

Vetrina Ricami


Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *