full screen background image
Search

Dalla positiva campagna antincendio in Sicilia, i Forestali SAB nè escono depotenziati

Dalla positiva campagna antincendio in Sicilia, i Forestali SAB nè escono depotenziati

ytytySe può far piacere la notizia che, gli incendi boschivi quest’anno sono fortemente diminuiti, certamente bisogna preoccuparsi del fatto che il servizio antincendio boschivo può avere conseguenze preoccupanti per tanti addetti al lavoro. Parliamo non degli agenti in divisa ma, degli operai addetti antincendio boschivi, cioè quei lavoratori forestali con contratto a termine e che vedono la figurina dall’altro lato o meglio in tutt’altro modo dopo le parole del trio Cordaro-Musumeci-Principato.

Dalla riunione tenutasi a Palazzo d’Orleans il presidente della Regione Nello Musumeci, l’assessore al Territorio e Ambiente Totò Cordaro ,e il comandante Principato del Corpo Forestale Siciliano, hanno messo a punto l’attuale situazione, dopo aver quasi concluso l’attività antincendio prossima a giorno 15 Ottobre. Si è parlato di un calo di incendio del 73% e, sottolineando il fatto che i mezzi aerei sono stati utili e indispensabili dopo aver siglato l’accordo con le varie flotte aeree private , Aeronautica, Carabinieri ed Esercito, senza dunque citare la forza a terra e cioè quella formata dagli addetti SAB che ha lavorato in condizioni precarie perenni e con tanti problemi irrisolti nelle parole e nei fatti..

Una carente visibilità per chi ha ascoltato la conferenza stampa o aver sentito dalle parole dei responsabili sopra citati, senza spendere una parole in merito a coloro che nonostante siano stati impegnati di meno sul campo. Questo stà a significare che il futuro prossimo del servizio antincendio potrebbe essere ridotto al lumicino se si vuole cercare di rafforzare il Corpo Forestale in divisa e non quello “in arancione”, in concomitanza al fatto che tutto rimane fermo e nessuno sbocco viene visto all’orizzonte.

Nuova linfa come dice l’ass. Cordaro che potrà avvenire con i fondi a disposizione e, se guardiamo attualmente alle casse regionali e ai debiti fuori bilancio o meno, certamente il rafforzamento sarà solo a parole e il tutto andrà ad alimentare l’ennesima parodia che tutto il sistema forestale vive, e forse potrebbe essere cambiato se combaciassero i punti essenziali e cioè, quella voglia di cambiare e mantenere ciò che è stato promesso a migliaia di famiglie !



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *