full screen background image
Search

Dedicare alla Bat squadra antincendi boschivi a tutela del territorio

Dedicare alla Bat squadra antincendi boschivi a tutela del territorio
E proprio in questi giorni si sta discutendo della possibilità di sopprimere il Corpo Forestale dello Stato in prima linea contro gli incendi boschivi

Dedicare una apposita squadra di Vigili del Fuoco per l’eemrgenza degli incendi boschivi nella provincia Barletta Andria Trani.

Il consigliere regionale e presidente della Commissione consiliare all’ambiente e tutela del territorio, Filippo Caracciolo, ha inviato, sull’argomento, una lettera all’assessore regionale con delega alla Protezione Civile Guglielmo Minervini ed al dirigente competente Lucia Di Lauro, sull’organizzazione delle squadre antincendi boschivi.

«L’arrivo ormai prossimo della stagione estiva – scrive Filippo Caracciolo – rappresenta un potenziale rischio sul fronte degli incendi boschivi. Ho voluto rivolgere un appello all’assessore Guglielmo Minervini ed al dirigente responsabile del servizio di Protezione Civile Lucia Di Lauro affinché le squadre di vigili del fuoco da dedicare al servizio antincendi boschivi siano distribuite in maniera uniforme sul territorio regionale».

«Con la lettera ho inoltre fatto presente l’alta incidenza del rischio incendi registrata negli anni precedenti nella sesta provincia. Nel 2013 Andria, con notevoli criticità nelle vicinanze di Castel del Monte, è risultato uno dei Comuni con il più alto tasso di incendi. Perciò ho proposto – continua Filippo Caracciolo – di dedicare al territorio provinciale della BAT e dei Comuni limitrofi una squadra di vigili del fuoco supportata da volontari da dedicare al servizio antincendi boschivi e pronta ad intervenire in caso di necessità. Sono fiducioso che come già successo negli anni precedenti si individuino strategie volte a garantire sicurezza ed assistenza sull’intero territorio regionale. Il lavoro degli operatori supportati dai volontari è fondamentale per garantire interventi tempestivi e la presenza di più squadre dislocate nelle varie province è una maggiore garanzia di successo degli interventi stessi».

«Nel ringraziare chi ogni anno si dedica con grande professionalità al lavoro di prevenzione in materia di incendi boschivi sottolineo – conclude Filippo Caracciolo – che è sempre necessaria la massima collaborazione ed il coinvolgimento dei cittadini per evitare di dover fare i conti con ingenti danni conseguenti agli incendi boschivi».

E, proprio in questi giorni è particolarmente acceso il dibattito sulla possibile soppressione di una delle Istituzioni preposte, tra l’altro ad intervenire contro gli incendi boschivi, il Corpo Forestale dello Stato.

“Giù le mani dalla Forestale!!!” A gridarlo a gran voce questa mattina in piazza sono stati in tanti. Il coro delle associazioni ambientaliste e animaliste e di molti sindaci e Regioni si è unito alle rappresentanze sindacali e al personale della Forestale che si oppongono con forza al disegno di legge che prevede l’accorpamento ad altre forze di polizia.

L’appuntamento per il sit-in è stato infatti fissato per questa mattina in Piazza delle Cinque Lune a Roma, per poi riprendere in piazza Montecitorio.

La protesta nasce dalla mancanza di chiarezza su un progetto del Governo che prevede lo smembramento di un Corpo di circa 200 anni che si è sempre occupato dell’ambiente, della natura, degli animali e della biodiversità. Una forza di polizia altamente specializzata che ha saputo nel tempo adeguarsi ai cambiamenti della moderna società, mettendo a disposizione dei cittadini le sue competenze in materia di sicurezza ambientale ed agroalimentare, tutela del territorio, protezione degli animali, lotta agli incendi boschivi, lotta alle eco-mafie ed agro-mafie.

Ottomila tra uomini e donne che ogni giorno si impegnano sul territorio per la collettività, portando la propria esperienza e conoscenza anche in zone poco accessibili e spesso trascurate.

Non vogliamo essere “i nuovi agnelli sacrificali” ed essere smembrati, invece che potenziati, solo perché siamo un Corpo composto da poche unità rispetto alle altre forze dell’ordine, troppo pochi per l’importanza e la varietà delle nostre funzioni e per le emergenze che richiedono la nostra professionalità e il nostro intervento!!!

La Forestale svolge, infatti, attualmente un importante lavoro di coordinamento e presidio in Campania per l’emergenza “Terra dei fuochi” e in Puglia per l’allarme Xylella, che sta distruggendo milioni di ulivi, mettendo in ginocchio l’agricoltura.

L’appello delle Associazioni ambientaliste è rivolto anche a tutti i cittadini italiani, affinché sia forte e chiara la consapevolezza di quanto sia importante la tutela di un patrimonio ambientale di inestimabile valore che sarebbe consegnato nelle mani diNessuno!!!

AndriaLive.it

 



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *