full screen background image
Search

Emilia Romagna: La Forestale di Sogliano verso la chiusura

Emilia Romagna: La Forestale di Sogliano verso la chiusura

Il Comando centrale di Roma ha firmato il decreto. Restano da trasferire gli agenti. Addio stazione pure a Civitella

SOGLIANO – Le forbici della ‘spending review’ colpiscono anche il Corpo Forestale dello Stato. La stazione di Sogliano al Rubicone, con sede nel centro del paese in locali presi in affitto dal Comune in via Trento e Trieste, rischia infatti seriamente di chiudere definitivamente i battenti, così come sta accadendo per la sede di Civitella nell’area Forlivese. Entrambe le località rientrano infatti nel decreto di chiusura che sarebbe già stato firmato dal comando centrale di Roma, che fa riferimento al Ministero delle Politiche agricole e Forestali, decreto spedito prima al comando regionale di Bologna, quindi a quello provinciale di Forlì. Mancano ancora i provvedimenti per il trasferimento degli agenti in servizio in queste stazioni, e finché non saranno promulgati la chiusura non potrà essere considerata effettiva. Ma è chiaro che la direzione di marcia sembra ormai tracciata, e queste due stazioni del Corpo Forestale paiono avere sempre più le ore contate.

Si parlava di una loro chiusura entro la fine dell’anno,
 probabile che slitti di qualche settimana. La sede di Sogliano conta due agenti e ha competenza su un territorio vastissimo, dal territorio comunale soglianese fino a tutta la pianura del Rubicone e addirittura l’area costiera. A questo va aggiunto che dal 2011 ai Forestali sono state aumentate competenze in materia di smaltimento illegale di rifiuti e sicurezza agroalimentare. A Civitella, invece, di agente in servizio ce n’è soltanto uno, e da quanto è possibile apprendere se una delle due sedi si riuscirà in qualche modo a salvare, si tratterà di quella di Sogliano, dove il territorio è maggiormente scoperto. Tutto questo mentre si è ancora in attesa dell’apertura del comando di Cesena, che veniva data per sicura per il 2012 ma della quale a fine 2013 ancora non si hanno notizie sicure. La nuova sede cesenate, territorio attualmente sotto al comando di Mercato Saraceno, avrebbe competenza su tutta l’area costiera e della pianura, lasciando la stazione mercatese come riferimento per la zona collinare (dove ci sono anche le sedi di Sarsina, San Piero, Bagno e Verghereto).

Ma sarebbe la vallata del Rubicone a rimanere scoperta nel caso vengano fatti sloggiare gli agenti da Sogliano. “Ho sempre ritenuto un errore togliere questi comandi nei luoghi dove è naturale che si trovino – commenta il presidente della Provincia, Massimo Bulbi -. Rappresentano un riferimento per l’intero territorio. Abito a Roncofreddo, vicino a Sogliano, e so benissimo che ruolo fondamentale svolge la Forestale, considerando anche la presenza della discarica in quelle aree e per il rishcio incendi. Mi sono attivato sin da subito per cercare di far capire al Ministero delle Politiche agricole che questa chiusura sarebbe un errore. Sono gli stessi cittadini a chiederci di mantenere un presidio sul posto. Spero che queste considerazioni vengano accolte”. romagnanoi



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *