full screen background image
Search

Escalapiano(Nu). 40enne accusato di incendio boschivo

Escalapiano(Nu).  40enne accusato di incendio boschivo

Un 40enne di Escalaplano è stato arrestato degli uomini del Corpo forestale con l’accusa di incendio boschivo e calunnia. Lo  scorso 13 luglio, infatti, il quarantenne si è presentato alla stazione forestale di Escalaplano e ha imbastito un racconto per cercare di sviare qualsiasi sospetto su un incendio. L’uomo ha raccontato di essersi fermato lungo la strada per chiedere soccorsi e di essere poi stato aggredito da due sconosciuti che, accusandolo di aver appiccato il rogo, lo avrebbero obbligato a spegnere le fiamme.

Non solo, stando al racconto del piromane, i due aggressori lo avrebbero picchiato e poi gli avrebbero rubato il telefonino. Una versione dei fatti che, però, non ha convinto gli uomini della Forestale che hanno avviato una serie di accertamenti che hanno dato esisto opposto rispetto al racconto della presunta vittima che tra il 2018 e il 2019 avrebbe più volte tentato di appiccare roghi nella zona compresa tra Escalaplano e Ballao, poi spenti immediatamente grazie al tempestivo intervento della macchina antincendio regionale.

Due, in particolare, i roghi contestati, appiccati l’11 e il 13 luglio 2019 a Escalaplano e Ballao. Messo alle strette il 40enne ha ammesso le proprie responsabilità giustificandosi dicendo di aver agito sotto l’effetto di alcol e psicofarmaci. Nella sua abitazione gli uomini della Forestale hanno rinvenuto il materiale utilizzato per realizzare le esche a tempo usate per appiccare i roghi. Inoltre il 40enne ha accompagnato gli investigatori in uno dei luoghi in cui aveva appiccato il rogo, facendo recuperare l’esca utilizzata. Una dettagliata relazione è stata presentata al sostituto procuratore, Nicola Giua Marassi, che ha chiesto e ottenuto l’ordinanza di custodia cautelare firmata dalla gip, Alessandra Tedde, eseguita oggi dalla Forestale. Il 40enne dovrà anche rispondere di calunnia, per aver accusato i due uomini che lo avevano aggredito: in realtà lo avevano sorpreso mentre appiccava il rogo.



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *