full screen background image
Search

Incendi: Piromania come malattia mentale ma non solo….

Incendi: Piromania come malattia mentale ma non solo….

Chi appicca un incendio lo fa soprattutto per interesse. Un interesse che è quasi sempre di natura economica o professionale.

“I motivi, al di là delle patologie, possono essere tanti”, spiega Leonardo Mareschi, comandante del gruppo carabinieri forestali di Viterbo e alla guida del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale (Nipaf) che, il 22 agosto, ha arrestato un trentanovenne di Vetralla per incendio doloso.

“Ci sono motivi legati al rinnovo del pascolo. Secondo alcune tradizioni agricole, i terreni andrebbero incendiati ogni tre o quattro anni per essere ripuliti. Altri interessi riguardano la caccia e, quindi, la migrazione della selvaggina da una zona all’altra; nei boschi incendiati è vietato cacciare per dieci anni. Oppure attriti tra proprietari terrieri”.

Mareschi cita la legge 353 del 2000, legge quadro sugli incendi boschivi: sulle porzioni di bosco distrutte dal fuoco non si può cambiare la destinazione d’uso per quindici anni. “Devono essere censite dai comuni e risultare nei rogiti notarili e negli atti di compravendita dei terreni”. Chi vuole fare un dispetto al suo confinante, quasi sempre, lo sa.

Quando non c’è dolo, invece, c’è spesso negligenza. “Gli incendi colposi, in genere più frequenti, derivano da una mancata capacità di gestione del fuoco”, continua Mareschi. “Spesso scaturiscono da roghi di piccole superfici o di rifiuti. Roghi ovviamente vietati. È facile che chi li ha accesi ne perda il controllo e non riesca più a spegnerli”.

L’inglobamento della forestale nei carabinieri ha comportato un cambiamento essenziale: “La direzione operativa di spegnimento degli incendi è passata ai vigili del fuoco” spiega Mareschi. “Concretamente significa che abbiamo una competenza in meno: non ci occupiamo più di spegnere i roghi in prima persona ma restiamo attivi sul fronte della repressione. Più attivi, direi: possiamo concentrare maggiormente i nostri sforzi su questo e, quindi, sulle indagini per rintracciare chi appicca gli incendi”. 

tusciaweb



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *