full screen background image
Search

Interventi regionali a favore della montagna

Mantenimento e sviluppo dei servizi scolastici montani, sostegno ai consorzi turistici montani e deroghe alla definizione di bosco per  sostenere un corretto equilibrio tra le risorse forestali e quelle antropiche. Sono i tre  provvedimenti a salvaguardia dei territori montani piemontesi, proposti dall’assessore Vignale e approvati oggi dal Consiglio Regionale all’inter


no del Disegno di Legge n. 344 Dispozioni Collegate alla Finanziaria 2013.

Per mantenere i servizi scolastici e lo sviluppo delle scuole di montagna, si  prevede la possibilità per la Regione, in accordo con l’Ufficio scolastico regionale, di attuare specifici interventi a favore delle scuole di montagna finalizzati a salvaguardare il servizio laddove si prospettano possibili chiusure o la necessità di razionalizzare particolari situazioni di pluriclasse.
“Il disposto di questo articolo – spiega l’assessore Vignale – è stato redatto in collaborazione con l’assessore all’istruzione Cirio, al fine di garantire, alle famiglie e ai ragazzi residenti in aree marginali, un servizio importante e necessario come quello scolastico, evitando una possibile chiusura”.
Per sostenere i consorzi turistici e promuovere i piccoli centri a montani a rischio di abbandono, è stata prevista la concessione di tributi regionali per attività di promozione, accoglienza e informazione  per i consorzi turistici con 250 posti letto.
Il disposto deroga, l’attuale normativa regionale (lr. 75/1996) che prevedeva l’erogazione di sostegni regionali  per la realizzazione di programmi promozionali solo a consorzi turistici  aventi 1000 posti letto.
“Il Piemonte – spiega Vignale – conta una moltitudine di piccoli comuni montani, sede di consorzi turistici che, pur non disponendo di mille posti letto, rappresentano per l’economia e il turismo locale un volano di sviluppo. Spesso infatti in questi comuni le piccole realtà locali, come alberghi, ristoranti o bed and breakfast, si consorziano per riuscire a meglio definire l’offerta turistica locale.  Soprattutto in un momento di grande crisi come quella registrata in questo ultimo anno, sostenere anche queste piccole, ma molto importanti realtà, significa sostenere famiglie e occupazione in zone che altrimenti rischiano l’abbandono”.
LA DEFINIZIONE DEL BOSCO – Sono state infine votate  alcune modifiche alla legge regionale n. 4/2009 (c.d. “legge forestale”) in merito alla definizione di bosco.  Nel dettaglio vengono esclusi dalla definizione di bosco  i nuclei edificati abbandonati e colonizzati da vegetazione arborea o arbustiva a qualunque stadio d’età, le formazioni forestali di origine artificiale realizzate su terreni agricoli a seguito dell’adesione a misure agro ambientali promosse nell’ambito delle politiche di sviluppo rurale dell’Unione europea una volta scaduti i relativi vincoli, i terrazzamenti,  i paesaggi agrari e pastorali di interesse storico coinvolti da processi di forestazione, naturale o artificiale, oggetto di recupero a fini produttivi.
“Questa norma – spiega Vignale – nasce dalla volontà da parte della Giunta regionale di procedere ad una gestione delle risorse forestali, e in particolare il bosco, che consenta il loro utilizzo per la vita dell’uomo in modo compatibile con la loro conservazione. Scomputare dalla definizione di bosco la crescita selvatica o abusiva della vegetazione è un modo per garantire un corretto equilibrio tra attività antropiche ed economiche, come ad esempio pascoli o semine, con elementi di naturalità, pianificando una corretta gestione delle risorse forestali e ponendo in relazione tutte le componenti naturali con le necessità dei sistemi economici delle aree montane”.
 
Vetrina Ricami
Image and video hosting by TinyPic


Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *