full screen background image
Search

Pane nero, denunciati 12 panificatori pugliesi

Pane nero, denunciati 12 panificatori pugliesi

Attenzione al pane nero al carbone vegetale preparato con additivi non autorizzati dalla legge. Non soltanto pane nero, ma anche focacce e bruschette al carbone vegetale impastati con ingredienti irregolari.

E’ così che è scattata la denuncia per dodici panificatori pugliesi, con l’intervento degli agenti della Forestale e del Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Altamura. I panificatori sono accusati di frode commerciale e di produzione di alimenti per la vendita con l’impiego diadditivi chimici non autorizzati dalla legge.

Il problema riguarda in particolare l’aggiunta alle preparazioni delcolorante E153. Si tratta di un procedimento vietato dalla normativa sia italiana che europea. Pane, focacce e bruschette al carbone vegetale venivano messi in vendita esaltandone le caratteristiche benefiche per i disturbi gastrointestinali. I panifici coinvolti si trovano tra Bari, Taranto e Brindisi.

In Italia sia per il pane che per prodotti simili l’uso del colorante E153 è vietato. Il carbone vegetale è una sostanza classificata come additivo, non come colorante naturale. Nonostante il divieto, il suo utilizzo in breve tempo si è diffuso in altre zone d’Italia non soltanto in pane e focacce ma anche per preparare pizze e cornetti.

Per chiarire la vicenda ora è stata presentata un’interrogazione parlamentare grazie a cui si spera le autorità e il Ministero della Salute possano iniziare ad agire per tutelare i cittadini dalle frodi e dagli additivi indesiderati. I consumatori hanno diritto di sapere se l’uso e l’assunzione dell’additivo in questione possa risultare dannoso per la salute.

Già lo scorso novembre, mentre la ‘moda’ del pane nero al carbone vegetale iniziava a diffondersi, avevamo chiesto ai nostri esperti di esprimere un parere in proposito. La loro risposta era stata molto chiara: il quantitativo di carbone vegetale presente in una pagnotta è troppo esiguo per garantire dei benefici per la salute pari a quelli di un integratore al carbone vegetale.

Nel frattempo restiamo in attesa dell’eventuale intervento del Ministero della Salute per comprendere se l’impiego di questo additivo utilizzato come colorante nel pane e in prodotti analoghi potrà proseguire o verrà condannato come da divieto già stabilito per legge.

Marta Albè

greenme



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


One thought on “Pane nero, denunciati 12 panificatori pugliesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *