full screen background image
Search

Pescara, la discarica dei veleni: «Acqua contaminata per 700mila»

Pescara, la discarica dei veleni: «Acqua contaminata per 700mila»

«L’acqua contaminata è stata distribuita in un vasto territorio e a circa 700 mila persone senza controllo e persino a ospedali e scuole». È il passaggio choc della relazione dell’Istituto Superiore di sanità che ha analizzato per l’Avvocatura dello Stato le acque contaminate dalla mega discarica di veleni tossici nel Pescarese. Un’area di 25 ettari scoperta dalla Forestale nel 2007. La relazione del 30 gennaio 2014, basata sui risultati delle analisi dell’acqua prelevata nel 2007, è stata depositata durante il processo di Bussi in Corte d’Assise a Chieti dall’avvocatura dello Stato.

Il documento

«La qualità dell’acqua è stata indiscutibilmente significativamente e persistentemente compromessa», prosegue la Relazione dell’Iss depositata agli atti del processo di Chieti. Il guasto «per effetto dello svolgersi di attività industriali di straordinario impatto ambientale in aree ad alto rischio per la falda acquifera e per le azioni incontrollate di sversamento», spiega il documento.

Il processo

Presso la Corte d’Assise di Chieti è in corso il processo sulla mega discarica sequestrata nel marzo 2007 . Sotto processo i vertici di Montedison e Solvay con oltre 20 indagati dopo l’inchiesta del Corpo Forestale per avvelenamento di acque e disastro ambientale.



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *