full screen background image
Search

Primo incendio dell’anno sulle montagne di Itri (LT)

Primo incendio dell’anno sulle montagne di Itri (LT)

Il primo incendio del 2015 si è verificato ieri, mercoledì delle Ceneri, 18 febbraio 2015, sulle colline di Itri, nella zona di Raino. L’incendio iniziato vero le 12,15 è stato domato, dopo circa 3 ore, con l’intervento di due Canadair, che hanno scaricato l’acqua dal cielo per spegnere il focolaio che ormai si è allargato.

A segnalare l’incendio sono stati i padri passionisti del Santuario della Civita e collaboratori che dall’alto della Montagna hanno potuto costatare la gravità dell’incendio ed allertare subito i Vigili del Fuoco. L’intervento degli aerei non si è fatto attendere e così con quasi due ore di lavoro gli operatori hanno potuto risolvere il problema. E’ strano che dopo tanti giorni di pioggia, a distanza di solo due giorni di sole, subito si è sviluppato questo incendio sulle colline di Itri, nel Parco degli Aurunci. Ad aumentare l’estensione della zona in fuoco c’era anche un vento abbastanza forte che sospingeva le fiamme verso l’alto, in quanto l’incendio è iniziato quasi alla base della collina.

I commenti di quanti hanno potuto costatare l’incendio visibile da più parti è stato quello di aspettarsi altri fenomeni del genere soprattutto in vista dell’estate, quando i rischi di incendi boschivi in tutto il Parco degli Aurunci è un dato di fatto ricorrente ad ogni stagione di caldo. Certamente a vedere sistematicamente depauperato il bellissimo patrimonio d macchia mediterranea con incendi spontaneo o a volte dolosi, non aiutare la difesa della natura. Non bastano gli interventi tempestivi degli addetti ai lavori, ci vuole un’azione di prevenzione su vasta scala, partendo dall’educazione alla difesa dell’ambiente nelle scuole.

A volte basta un mozzone di sigaretta buttato distrattamente al ciglio della strada per fare scatenare un incendio consistente o altre disattenzioni che si possono commettere quando si sta a contatto con il verde o in questo tempo con alberi secchi, per il tempo invernale. “Sul tema della difesa dell’ambiente è in fase di ultimazione -ha detto padre Antonio Rungi, teologo morale della comunità passionista del Santuario della Civita – un’importante enciclica di Papa Francesco, che sarà pubblicata nel mese di giugno 2015.

Speriamo che la voce del Papa possa essere uno strumento in più per prestare maggiore attenzione alla difesa del creato che è un bene inestimabile per tutti ed un deterrente per quanti volutamente fanno danni all’ambiente non solo con gli incendi, ma anche con tanti tipi di inquinamento”.



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *