full screen background image
Search

Sardegna: «Forestali, a Bolotana nessuna assunzione»

Sardegna: «Forestali, a Bolotana nessuna assunzione»

Il sindaco risponde al consigliere Saba: «Mi batterò affinchè venga data la priorità ai lavoratori locali»


 

BOLOTANA. Pronta risposta del sindaco di Bolotana, Francesco Manconi, al consigliere comunale della minoranza, Armando Saba, sulle assunzioni all’Ente foreste nel territorio del paese. «Non è stata fatta alcuna assunzione – replica il primo cittadino – né in loco, né in alcun altra località della nostra isola, in quanto, come un consigliere comunale dovrebbe sapere, la Regione, unico ente che ha il potere di determinare le assunzioni, nonostante le sollecitazioni dell’ultimo consiglio di amministrazione dell’Ente foreste, non lo consente da diversi anni ormai. Sono semplicemente previste le stabilizzazioni dei lavoratori precari, ma, a tutt’oggi, non c’è nulla di definitivo».

Il consigliere di minoranza Armando Saba aveva lanciato l’allarme sulla presunta discriminazione degli operai bolotanesi in quanto l’Ente foreste ha affidato la guardianìa dei locali di Bardosu, dove sono custoditi i mezzi e le attrezzature necessarie per la lotta agli incendi estivi, a un operaio esterno.«Tutto questo – aveva sostenuto il consigliere comunale – in dispregio dell’atto di cessione dei terreni comunali di Bolotana all’ente regionale in cambio dell’assunzione di operai bolotanesi».

Nel cantiere di Bolotana sono stati assunti dieci operai, mentre altri due aspettano da anni di essere stabilizzati. Finora, però, l’attesa è stata vana. Una situazione, questa, che riguarda oltre mille lavoratori precari che attendono da anni di essere assunti in via definitiva.

«Nel momento in cui la Regione dovesse dare il via libera alle agognate assunzioni – assicura il sindaco di Bolotana – l’amministrazione comunale da me presieduta non consentirà mai che le eventuali nuove forze lavoro vengano assunte da altre località».

Il primo cittadino entra anche nel merito della decisione dell’Ente foreste di assegnare la guardianìa di Bardosu a personale esterno al cantiere locale.

«La decisione della direzione territoriale di Nuoro – fa sapere Francesco Manconi – è stata determinata dalla mancanza di personale disponibile in loco in quanto prioritariamente impegnato nei compiti istituzionali del cantiere».

Il cantiere di Bolotana opera su un’area montana di cinquecento ettari. Altri 400 ettari saranno affidati all’ente Foreste una volta che la regione Sardegna avrà tolto gli usi civici.

Tra i compiti principali dell’Ente foreste rientrano la lotta agli incendi estivi, la tutela dell’ambiente e la cura del bosco montano.



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *