full screen background image
Search

Sciopero del Corpo Forestale, i sindacati dicono no !

Sciopero del Corpo Forestale, i sindacati dicono no !

CAGLIARI. Sindacati ancora una volta contro ogni volta che ci sono di mezzo le vertenze dell’Agenzia Forestas e del Corpo forestale. Stavolta sono i segretari regionali della Cgil funzione pubblica, Uil-Fp, Sadirs e Saf a definire grave che «in piena campagna antincendi, un altro sindacato (è quello autonomo Fendres-Safor) abbia proclamato lo stato di agitazione dei forestali, arrivando a ipotizzare anche una giornata di sciopero». Va ricordato che l’ultima protesta è nata dopo che per la seconda vota è saltato l’incontro fra le segreterie sindacali e la commissione ambiente del Consiglio regionale. Ma secondo la Cgil e le altre tre organizzazioni «lo stato di agitazione, in queste giornate di allerta incendi, dovrebbe essere sostenuto da altre forti motivazioni – scrivono Enrico Lobina, Giampaolo Spanu, Luciano Melis e Marcello Cucca – Soprattutto perché un eventuale sciopero del Corpo forestale metterebbe a rischio l’intero patrimonio ambientale Sardegna, e sarebbe un prezzo troppo alto pagato dai sardi». Per poi entrare nel merito della vertenza: «Imputare all’attuale Giunta e al Consiglio regionale, in carica da quattro mesi, responsabilità tanto gravi da giustificare l’avvio di uno sciopero appare, secondo noi, un’azione sleale e scorretta in questa situazione». Ancora: «La situazione del Corpo forestale e del suo personale è di sicuro, come ben sappiamo, certamente critica, per molti motivi e sotto diversi punti di vista, ed è anche vero che da anni la politica

accenna (e finora ha solo accennato) alla riforma e al rilancio del Corpo. Ma siamo convinti che, nonostante gli esiti finora negativi della trattativa, non si possa rispondere sferrando un attacco di questa portata, lo sciopero, ai danni non della politica ma dell’intera Sardegna».



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *