full screen background image
Search

In Sicilia scende il numero dei dipendenti pubblici ma…… aumentano i precari.

In Sicilia scende il numero dei dipendenti pubblici ma…… aumentano i precari.

Dipendenti Pubblici: in Sicilia scende il numero ma aumentano i precari. Ecco quanto emerge dall’Annuario statistico della Ragioneria generale dello Stato, che aggiorna i dati al 2016.


Il numero complessivo dei dipendenti pubblici continua a scendere ma se si guarda al tipo di contratto si scopre che il calo ricade per intero su chi ha il posto fisso mentre i precari sono in crescita.

Il referto della Ragioneria dello Stato

 

Nel referto si analizza l’andamento della spesa per il personale delle Regioni a statuto ordinario e speciale, delle Province autonome e degli Enti locali (Province, Città metropolitane e Comuni), nel triennio 2014-2016, unitamente alla sua consistenza numerica.

 

Con riferimento all’esercizio 2016, emerge che l’intero settore occupa, complessivamente, circa 487.000 unità, distribuite tra personale dirigente, segretari comunali/provinciali e direttori generali, personale con qualifica non dirigenziale. Di esse circa 39.000 unità, pari all’8 % del totale, hanno un contratto di lavoro flessibile.

 

La spesa totale – che non comprende quella relativa ai contratti di lavoro flessibile – ammonta a circa 13,7 miliardi di euro (di cui 2,7 per le Regioni, 1 per le Province e le Città metropolitane e 10 per i Comuni).

 

Nel 2016, per l’insieme degli Enti esaminati a livello nazionale, la spesa media per dipendente regionale ammonta a 33.932 euro, a fronte di 27.697 relativi al dipendente comunale e di 27.816 per il dipendente provinciale. La spesa media per il personale dirigente è di 87.591 euro nelle Regioni, 81.535 nei Comuni e 97.072 nelle Province.

 

Emergono situazioni alquanto diversificate tra Enti delle Regioni a statuto ordinario e speciale (incluse le Province autonome) per quanto concerne il numero del personale in servizio nel triennio considerato, la cui distribuzione all’interno del comparto “Funzioni locali” è stata rimodulata per effetto del riassorbimento del personale degli Enti di area vasta.

 

Il caso della Regione Sicilia

 

La Regione Sicilia ha più dipendenti di tutto il Nord e mantiene il record di personale pubblico nonostante la crescita si sia quasi del tutto arrestata nelle regioni meridionali. Il richiamo del posto fisso è ancora alto ovunque ma negli enti locali è partita “l’operazione riequilibrio”. Tra il 2014 e il 2016, infatti, sono molte le Regioni del Mezzogiorno che tagliano con decisione sulle piante organiche anche se il Nord è sempre l’area più virtuosa per spesa e numero di dipendenti.

 

Rimangono infatti i “casi” storici: la Corte dei Conti segnala per l’ennesima volta “punte di maggiore concentrazione” del personale nella Regione Siciliana. Però tra le Regioni a statuto speciale l’aumento maggiore è quello del Friuli Venezia Giulia, più 28,7 per cento. C’è una ragione, che emerge dalla stessa relazione: la riforma degli enti locali varata nel 2014, che ha determinato significativi trasferimenti di personale proprio verso la Regione.

 

Allarme precariato

 

“Se in Europa il precariato riguarda il 7 per cento della pubblica amministrazione – spiega Cocchiara – in Italia siamo al 13 per cento e in Sicilia addirittura al 50 per cento.”

 

È l’allarme lanciato da Matteo Cocchiara, alla guida dell’Asael, associazione degli amministratori locali.

 

“Inoltre c’è un altro problema da risolvere e riguarda la legge regionale che stabilisce che la Regione erogherà per 20 anni i fondi per i Comuni che assumeranno i precari ma in regime straordinario e non ordinario, che avrebbe dato maggiore tranquillità ai lavoratori. Tra l’altro lo Stato vuole impugnare questo articolo, la soluzione adesso passa dall’accordo con Roma”.



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *