full screen background image
Search

Sindaco Voza convoca un tavolo per gli operai idraulico forestali senza stipendio da mesi

Da mesi gli operai idraulico forestali della Comunità montana Calore Salernitano, come i loro colleghi di altri enti montani, non percepiscono gli stipendi. Ma nonostante ciò continuano a svolgere il loro lavoro. E’ una situazione che va avanti ormai da troppo tempo e alla quale è giunto il momento di trovare una soluzione.

E’ questo il motivo per cui il sindaco di Capaccio Paestum Italo Voza ha proposto un incontro a tutti i sindaci della Comunità montana Calore Salernitano, al quale sono stati invitati anche rappresentanti politici nazionali, regionali e provinciali. L’incontro è stato fissato per giovedì 18 luglio, alle 18.30, nella Sala Erica di Piazza Santini a Capaccio Scalo, per costituire un coordinamento di scopo che intraprenda le azioni necessarie a risolvere la situazione.
Sono passati oltre dieci mesi da quando, il 6 settembre del 2012, la Giunta comunale di Capaccio Paestum votò una delibera per esprimere il proprio sostegno e la propria solidarietà agli operai della Calore Salernitano e alle loro famiglie. «Gli stessi operai e le loro famiglie hanno già intrapreso alcune iniziative di lotta per manifestare il fermo, forte e motivato dissenso verso tale stato di precarietà che richiama alla responsabilità politica e morale gli amministratori della Comunità montana e soprattutto gli enti interessati, la Provincia di Salerno, la regione Campania e i rappresentanti del Governo nazionale. – afferma il sindaco Italo Voza –
A distanza di tempo, però, nessuna scelta strutturale e definitiva è stata assunta, per cui, non volendo rimanere inerte rispetto al disagio dei lavoratori e delle loro famiglie, chiedo ai colleghi sindaci di voler adottare una delibera dello stesso tenore e di svolgere nelle prossime settimane un’azione politica congiunta sia a livello regionale che governativo.
Sarà opportuno, quindi, avviare una seria e rigorosa trattativa con gli enti sovra comunali, Provincia e Regione in primis, perché si intervenga in misura definitiva e compiuta su un tema che non riguarda solo il diritto al lavoro, ma che interessa il nostro patrimonio boschivo, la prevenzione da incendi e la manutenzione del territorio montano dal quale deriva il mantenimento di assetti idrogeologici del nostro territorio così fragile e pericoloso». 
Vetrina Ricami
Vetrina Ricami


Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *