full screen background image
Search

Stiamo perdendo la foresta Amazzonica

Stiamo perdendo la foresta Amazzonica

Negli ultimi 33 anni il Brasile ha perso 89 milioni di ettari di foreste, equivalenti agli stati di Bahia e Maranhao. Più della metà di questa perdita, ovvero 47 milioni di ettari, è avvenuta in Amazzonia, duramente colpita negli ultimi mesi al punto da attirare l’attenzione dei media di tutto il mondo. Nello stesso periodo le aree di pascolo e piantagione sono cresciute di 86 milioni di ettari.

A rivelarlo è il quotidiano Folha de S.Paulo citando dati del sistema MapBiomas, un’iniziativa dell’Osservatorio sul clima, organizzata in collaborazione con ong, università, fondazioni e aziende tecnologiche, tra cui il colosso Google.

 I dati

I risultati mostrano anche che il 59% del Brasile è ancora composto da foreste: nel 1985 era il 69%. Mentre l’area dei pascoli e delle piantagioni nel periodo esaminato, in relazione al territorio totale, è passata dal 20% al 31%.

In Amazzonia, dunque, è ancora emergenza: un anno nero per il Brasile visto che gli incendi sono aumenti dell’85% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Oltre 75mila gli incendi boschivi registrati nei primi otto mesi dell’anno.

La causa? Una politica di deforestazione: terre strappate alla foresta e poi destinate al pascolo di animali. Il rischio, adesso, è quello di perdere la foresta pluviale più grande del pianeta.



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *