full screen background image
Search

Tavolo tecnico per il punto nascita di Petralia, spiraglio in vista !

Tavolo tecnico per il punto nascita di Petralia, spiraglio in vista !

Ottimismo per l’apertura del Punto nascita di Petralia dopo il tavolo tecnico a Roma, al Ministero. Il deputato Ncd Pietro Alongi si è dichiarato pienamente soddisfatto “ per l’operato del ministro Beatrice Lorenzin che ha saputo ascoltare le grida d’allarme sollevate dal popolo madonita e dai suoi amministratori. La disponibilità alla riapertura temporanea espressa oggi – continua il deputato Ncd all’Ars – dopo l’incontro che ha visto la presenza dei sindaci di Alimena, di Castellana e di Sottana insieme con quella dell’assessore Gucciardi in un tavolo tecnico al dicastero della Salute, è la dimostrazione ulteriore dell’attenta sensibilità del ministro. Ed è anche un primo passo avanti per la salvaguardia del reparto che serve così larga e densamente abitata area”.

“Auspichiamo ma siamo certi che l’assessorato regionale alla Sanità saprà adesso rispondere positivamente alle sollecitazioni emerse dal tavolo tecnico, creando i necessari requisiti di sicurezza per la struttura delle Madonie. Crediamo nella politica del fare e non in quella urlata, dei proclami senza conseguenze – riprende il vicepresidente della Quarta Commissione – lo dimostra il lavoro silenzioso di concertazione che abbiamo condotto insieme coi tecnici del ministero in queste settimane”.

”Oggi, chiediamo anche che non soltanto sia salvato definitivamente il punto nascite ma che sia potenziata l’intera struttura ospedaliera sita a Petralia Sottana – conclude Alongi – con particolare riferimento all’ortopedia, reparto indispensabile vista la sua collocazione non lontana dalle stazioni sciistiche, e alla cardiologia”. La domanda a questo punto è una: come giustificherebbe il ministro Lorenzin l’eventuale deroga, l’ennesima, per Petralia  di fronte , ad esempio, alle stesse richieste di Lipari ?



Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *