in , ,

I 14 mesi dell’alleanza giallo-verde !

Ci sono voluti 88 giorni per formare il governo e 24 ore per disfarlo. L’improbabile alleanza giallo-verde, sugellata da un contratto, ha retto 14 mesi. Il primo scontro è arrivato a poco più di un mese con il reddito di cittadinanza, una misura necessaria per il Movimento 5 Stelle, un disincentivo al lavoro per la Lega. Poi con la caduta del ponte Morandi è il vicepremier Di Maio a giocare da leader annunciando subito la revoca della concessione ad Autostrade per l’Italia. Negli ultimi tempi, il ruolo si è invertito, complici anche i sondaggi che danno alla Lega il manico del coltello. Sull’immigrazione Salvini l’ha fatta da padrone, esautorando di fatto i ministri grillini Toninelli e Trenta sulle sfere di loro competenza. In mezzo c’è stato il contrasto su molte cose dall’Ilva di Taranto, alla legittima difesa, al Salva Roma alla flat tax. Per l’alleanza non è valso neanche il vecchio detto italico dei panni sporchi che si lavano in casa. Infatti i due alleati si sono spaccati davanti a tutta l’Europa con i grillini che hanno appoggiato la presidentessa della Commissione von der Leyen e la Lega no. Poi l’ultimo grande scontro sul Tav a un passo dalle ferie di agosto. Con i sondaggi che danno la Lega primo partito, Salvini ha pensato che era il momento giusto per staccare la spina.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Incendio nei terreni di Musumeci a Militello Val di Catania

Governo al baratro. Ira M5S su Salvini !