in , , ,

Al via azione giudiziaria per riconoscere bonus ristori a lavoratori agricoli

Uila e Ital avvieranno nei prossimi giorni un’azione giudiziaria per il riconoscimento del bonus ristori a favore degli operai agricoli stagionali. La decisione, assunta congiuntamente oggi dal sindacato agroalimentare e dal Patronato della Uil, “discende – spiega il segretario generale della Uila-Uil Stefano Mantegazza – dalla convinzione di essere di fronte a una evidente lesione di un diritto verso una intera categoria che, con la nostra iniziativa, intendiamo sanare”. 


Nel decreto “agosto” e in quelli successivi relativi ai ristori previsti per far fronte alle conseguenze economiche e sociali dell’emergenza Covid, il Governo ha previsto dei “bonus” a vantaggio dei lavoratori stagionali e decine di migliaia di lavoratori agricoli hanno presentato domanda per ottenerli, salvo ricevere, nella maggioranza dei casi, risposte negative. 


“Dispiace – aggiunge Mantegazza – che Parlamento e Governo siano stati sordi alle nostre richieste di fare chiarezza sulla portata delle norme che si sono succedute e che hanno creato casi macroscopici di disparità di trattamento tra gli stessi operai agricoli”. 

“Con queste azioni giudiziarie, che presenteremo in tutta Italia” conclude Mantegazza “Uila e Ital dimostrano una grande intesa sinergica e soprattutto la volontà di far seguire alle parole, i fatti. Le lavoratrici e i lavoratori che, tramite l’Ital, hanno presentato la domanda per ottenere le indennità Covid-19, possono contare sull’azione messa in campo da Uila, Uil e Patronato e sulla loro determinazione ad andare avanti fino a che non sarà fatta giustizia”.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Astrazeneca, dal ministero il via libera per gli over 65, escludendo però gli «estremamente vulnerabili»

Abbiamo devastato 2/3 delle foreste pluviali della Terra