in , , , ,

Allerta Meteo. Tornano gli incendi boschivi in Lombardia

Una nuova allerta meteo (codice rosso) da parte della Protezione civile di Regione Lombardia è stata emessa oggi per rischio vento forte e incendi boschivi su tutto il territorio, compreso quello dell’alto Varesotto. È previsto, infatti, il transito di una fredda depressione proveniente da Nord.

Dalle prime ore della notte di domani, martedì 6 aprile, il vento sarà in rinforzo fino a forte da Nord su Alpi e settori occidentali, dalla tarda mattinata moderato da est sui settori centro-orientali della Pianura. Su Alpi e Prealpi occidentali, oltre i 500/800 metri di quota, possibili valori di vento medio orario sopra i 40 km/h.

Raffiche in generale possibili fino a 70 km/h sui settori occidentali, localmente anche fino a 90 km/h (in particolare su Valchiavenna, Prealpi occidentali (Lago Maggiore e Como) e parte più occidentale della pianura al confine con il Piemonte); raffiche fino a 50 km/h sui settori centro-orientali. Generale e graduale attenuazione dalla sera.

Nel pomeriggio non sono esclusi isolati o al più sparsi rovesci tra Prealpi e Pianura. Drastico calo termico in poche ore (in quota fino a -10/-12 °C in 12 h, sulla Pianura fino -5/-8 °C in 24 h). Dalla mattina di mercoledì, 7 aprile, nuove condizioni di vento freddo moderato da Nord con assenza di precipitazioni.

Il grado di pericolo è quindi in temporaneo aumento fino a valori di molto alto, in particolare sui settori occidentali, a partire dalla mattina di domani e fino alla serata di mercoledì, in concomitanza con l’intensificazione della ventilazione. Per le zone alpine si fa riferimento alle aree di territorio non coperte da neve.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Forestali calabresi in cassa integrazione. Ancora nessun riscontro economico. Famiglie in difficoltà

I Nas trovano le sue tracce sui mezzi pubblici