in , , ,

Caos Vaccino. De Luca: “Musumeci sapeva tutto, ora deve dimettersi”

 “Il Comune di Messina si costituirà parte civile, andrò avanti fino in fondo perché non è consentito alla politica di giocare con la pelle delle persone. Questi personaggi parlavano dei malati che morivano come fossero sacchi di patate. Che schifo!”. Ad annunciarlo in una diretta Facebook è il sindaco della città dello Stretto, Cateno De Luca, all’indomani del terremoto giudiziario che si è abbattuto sulla sanità siciliana con l’inchiesta della Procura di Trapani sulla presunta manipolazione dei dati relativi ai contagi Covid in Sicilia che vede indagato, tra gli altri, l’ormai ex assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, dimessosi ieri dopo la notizia dell’indagine. “Sono fermamente convinto – aggiunge – che molti decessi, l’impennata della diffusione del virus e anche il danno causato a Messina con l’istituzione della zona rossa che ho dovuto richiedere siano dovuti esattamente a questo comportamento: non adottare i provvedimenti necessari. Sono stato lasciato solo e criticato perché ho preso provvedimenti che altri non hanno preso perché dovevano coprire quelle che ho sempre denunciato: le debolezze strutturali della sanità siciliana”.

“Io ho rischiato la vita, sono stato deriso, minacciato, lasciato solo e accusato di strumentalizzare la sanità per fini politici – dice ancora -. Ora si scopre che la sanità è stata strumentalizzata da Razza e Musumeci”. Nei confronti dell’assessore dimissionario De Luca esprime “solidarietà”. “Ancora si trova solo in questa storia ma sono sicuro che presto si chiarirà il quadro: Musumeci, Razza e poi tutti i loro sodali… Tutti pronti a comunicare dati fasulli”. “Musumeci si è rivelato peggio di Crocetta – conclude -, si è dimostrato una porcheria politica. Spero che approvata la legge di stabilità e messi in sicurezza i conti della Regione, arrivino le dimissioni del governatore. Per quanto mi riguarda è dimesso nei fatti perché non rappresenta più la Sicilia e i siciliani”.

“Va assolutamente diviso il profilo della responsabilità giudiziaria, e quindi l’attività portata avanti dalla Procura a cui va tutto il mio plauso, da quello delle responsabilità politiche. Musumeci si deve dimettere perché è il responsabile di questa situazione, ma farà di tutto per restare incollato alla poltrona. Che ci fosse la connivenza con Ruggero Razza è matematico: l’assessore non andava a fare la pipì se non parlava con lui. Musumeci sapeva tutto quello che faceva Razza, quindi è ovvio che della manipolazione dei dati, se di questo si tratta, il governatore sapeva e si deve dimettere”. “Dall’inchiesta emerge il profilo dell’epidemia dolosa con personaggi che si sono messi d’accordo per nascondere i dati, manipolarli per evitare il danno politico”, prosegue il primo cittadino già nei mesi scorsi critico nei confronti della gestione dell’emergenza pandemica. Una manipolazione, sottolinea De Luca che si è verificata “non sui rifiuti su cui Musumeci non ha fatto niente, non sui bilanci della Regione che fasulli erano e fasulli continuano a essere senza che Musumeci faccia nulla, né per quanto riguarda l’approvvigionamento idrico che faceva schifo e continua a farlo perché Musumeci non ha fatto niente”, ma sulla “pelle delle persone”. Per il sindaco di Messina, il governatore “se ne deve andare perché in questi tre anni e mezzo ha contribuito ad affossare la Sicilia”.

lasicilia

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Pasqua, cosa si può fare. Zona rossa, ecco le deroghe: messa, visite, pranzi, viaggi, seconde case

Forestali Basilicata. I sindacati esprimono soddisfazione dopo l’incontro con i vertici regionali