in , ,

CuteCute

Comuni,enti e sistema vogliono la stabilizzazione dei Forestali. Musumeci e allora ?

In lungo e in largo e in ogni angolo della Sicilia tutti sono univoci nel gridare e affermare che il sistema territoriale, forestale, ambientalistico deve cambiare  marcia e tutto deve essere riportato alla retta via. Sembra però che il governo regionale rimanga sordo alle voci dei lavoratori, dei sindaci e delle amministrazioni comunali nonostante i sindacati con lo “Sveglia Regione” hanno messo in evidenza il problema reale che vive e vegeta.

“Non si può sempre rimandare è nemmeno si può aspettare sino all’eternita o i tempi biblici per avere una serenità mentale che tante famiglie chiedono. – Lo dice Antonio David di ForestaliNews – Si spendono tanti soldi per la formazione, (giusta, ma non seguita dalla maggior parte dei lavoratori e nemmeno attuabile e/o eseguita nei cantieri….  ) sicurezza e gestione dei lavoratori e, non si pensa  di racimolare  quel gruzzoletto per far si di raggiungere i 400 mln circa per stabilizzare tutto il comparto. La volontà deve essere in primo piano e non uno specchietto per le allodole. Invito dunque i sindacati per giorno 21 a farsi sentire seriamente  senza se è sena ma, evitando atteggiamenti benevoli o di cortesia cosi come fatto sin d’ora, anche perché questi pour parler hanno stancato.” –

Giorno 21 infatti i sindacati confederali incontreranno gli assessori al ramo per parlare di tutto ciò. Una presa di posizione ferrea che deve essere presente dappertutto e in tutti quei comuni ove il bisogno territoriale e realtà con i lavoratori che devono fare e faranno la sua parte vista la competitività e professionalità che hanno dimostrato quando sono stati chiamati in causa.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Attentato contro i militari italiani in Iraq. Cinque feriti di cui tre gravi

Una petizione per proteggere le foreste