in , ,

Coronavirus: l’OMS dichiarerà l’emergenza sanitaria globale

Wuhan isolata, blindata e deserta.

La città cinese con oltre 9 milioni di abitanti è il luogo da cui a fine dicembre è partita la diffusione del Coronavirus che sta facendo preoccupare il mondo intero.

È una città fantasma: stazioni ferroviarie, aeroporto, metropolitana, autobus, traghetti: tutto chiuso, tutto bloccato.

A chi vive in città è stato consigliato di non partire, proprio nella settimana in cui milioni di cinesi sono in viaggio per le vacanze del Capodanno lunare.

AP Images
Tutto chiuso a Wuhan: anche il mercato.AP Images

Aumentano i casi, aumentano le vittime

Sono ormai più di 500 i casi confermati di coronavirus, malattia respiratoria con i sintomi simili alla polmonite: già 17 i morti.

Gli scienziati hanno identificato la malattia come un nuovo tipo di Coronavirus, che è un grande ceppo di virus, alcuni dei quali causano soltanto il comune raffreddore.
Altri, viceversa, si sono evoluti in malattie più gravi, come la SARS e la MERS, anche se finora il nuovo virus non sembra essere altrettanto letale o contagioso.

Sarà “emergenza sanitaria globale”?

Nel frattempo, il Comitato di emergenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sta ancora raccogliendo informazioni prima di decidere se dichiarare o meno una “emergenza globale”.

Interviene Tedros Adhanom Ghebreyesus, etiope, Direttore Generale dell’OMS:

“La trasparenza, in questi casi, è molto importante. Aiuta davvero. E se vogliamo mantenere il mondo al sicuro, la trasparenza è al primo posto.
Ed è quello che stiamo vedendo, quello che sta accadendo e abbiamo incoraggiato le autorità cinesi a continuare in questa direzione”.

Tedros Adhanom Ghebreyesus Direttore Generale dell’OMS

Euronews
Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS.Euronews

Casi di contagio in tutta la Cina. E non solo

La maggior parte dei casi di Coronavirus si è verificata a Wuhan e nella provincia di Hubei, ma ormai sono spuntati decine di casi in tutta la Cina. E in qualche altro paese del mondo (Giappone, Corea del Sud, Thailandia, Macao, Australia, Stati Uniti).

Ai passeggeri che sono arrivati all’aeroporto londinese di Heathrow da Wuhan è stato chiesto com’e la situazione.

“Completamente normale, a parte il fatto che tutti indossano più mascherine del normale. E abbiamo ricevuto un volantino mentre atterravamo: se avete qualche sintomo, c’è un virus: per favore contattateci”, racconta Thomas Crosby, passeggero del volo proveniente da Wuhan.

Euronews
Thomas Crosby durante l’intervista all’aeroporto di Heathrow.Euronews

Sempre più controlli

Molti paesi (tra cui l’Italia, all’aeroporto di Fiumicino in particolare) stanno ora rendendo più severi i controlli alle frontiere in attesa dell’eventuale dichiarazione di emergenza sanitaria globale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che comporterebbe ulteriori misure di sicurezza.

euronews

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Virus in Cina. Le autorità sanitarie cinesi hanno confermato la trasmissione da uomo a uomo

Svanita l’attesa della Serie TV dei Forestali. Alla prossima puntata….