in , ,

Corpo Forestale Sardegna: nuova proposta di legge della Lega per rimodernarlo

Al giorno d’oggi la vigilanza ambientale ha preso il posto della semplice sorveglianza forestale e la tutela risulta non più limitata al solo agro o alle aree montane ma si è estesa anche alle coste. Le mutate esigenze di prevenzione e repressione degli illeciti inducono gli agenti del corpo a svolgere nuove e molteplici attività fortemente diversificate, che vanno ovviamente a sommarsi a quelle più prettamente storiche.

Si legge nella nota del Capogruppo Dario Giagoni, primo proponente della summenzionata legge.

Così come il legislatore statale ha radicalmente riformato il Corpo Forestale dello stato, che è stato sostanzialmente inglobato nell’Arma dei Carabinieri, in Sardegna si necessita di una riforma altrettanto strutturale che regolamenti in modo più moderno e funzionale il CFVA. La proposta, che verte sulla presentazione di 18 art., vede tra i suoi punti cardine l’istituzione di un atto di Organizzazione delle strutture territoriali del Corpo forestale che, all’occorrenza, potrà essere modificato seguendo un iter procedurale piuttosto snello, che permette di fatto il superamento di un’organizzazione centrale e periferica sino ad ora assai rigida. Il Corpo forestale di V.A. non sarà più assegnato alla direzione dell’Assessorato all’Ambiente ma sarà posto alle dirette dipendenze del Presidente della Regione, consentendo così di meglio interpretare le esigenze organizzative e funzionali delle forze di polizia a carattere regionale.

Prosegue il leghista:

A quanto già detto va aggiunta l’istituzione di una commissione permanente che si occupi dell’importante tema di dotazioni di armamenti, uniformi e automezzi; la struttura gerarchica del corpo verrà adeguata a quello delle altre forze di polizia nazionale; si va incontra a una formazione del personale che preveda l’utilizzo di strutture delle altre forze di polizia specializzate nelle diverse materie di competenza, tramite anche regime convenzionale; ridisegnate anche le modalità di accesso al Corpo e garantita la possibilità di accesso al centro di elaborazione dati a tutti coloro che sono in possesso della qualifica di agente della pubblica sicurezza. Insomma, miriamo a un ammodernamento e a una migliore strutturazione di corpo che, per molti anni, è stato di fondamentale importanza per il nostro territorio e certamente meritevole di attenzione per troppo tempo non concessa.

Importanti novità verranno apportate anche a livello contrattuale, come specificato dall’On.le Annalisa Mele, che ha lavorato all’argomento congiuntamente all’Assessore al Personale, Affari Generali e Riforma Valeria Satta, con l’inserimento della contrattazione separata.

Trattasi di atto dovuto in quanto, allo stato attuale, il Corpo Forestale gode dello stesso tipo di contratto degli amministrativi regionali, finendo per subire un’evidente discriminazione: oltre le funzioni svolte quotidianamente nella difesa dell’ambiente il CFVA possiede, infatti, competenza anche in materia di Polizia svolgendo funzioni di tipo investigativo e repressivo attraverso i suoi nuclei altamente specializzati. Pertanto, per le sue alte specificità, non potrà più esistere la convivenza nel contratto amministrativo attuale; dovrà, invece, avere un suo contratto specifico all’interno dello stesso comparto Regione – commenta la Satta.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Rischi e prevenzione ambientali. CC Forestali di Pescara in volo per monitorare il territorio

Precipita un aereo in Congo. 17 persone morte