Covid: chi deve fare la visita medica al lavoro

Il decreto Rilancio inserisce l’obbligo di un controllo sanitario per i dipendenti più a rischio di contagio da effettuare in azienda o presso l’Inail.

Non solo bonus e soldi, ma anche sicurezza dal punto di vista sanitario. Il decreto Rilancio, in via di conversione in Parlamento, introduce l’obbligo di effettuare una visita medica straordinaria che dimostri l’idoneità al lavoro del dipendente, che sia del settore pubblico o privato. In pratica – si legge nel testo – per garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività produttive e commerciali, tutti i datori devono assicurare una «sorveglianza sanitaria eccezionale» a chi è più esposto al rischio Covid oppure si trova in particolari situazioni di fragilità.

La visita può essere effettuata dal medico nominato dall’azienda o da un medico del lavoro dell’Inail. Per quest’ultima opzione, è necessario presentare la richiesta online sul sito dell’Istituto, al costo di 50,85 euro.

L’obbligo della visita medica straordinaria è rivolto, però, solo ad una parte dei lavoratori. In particolare, devono sottoporsi al controllo sanitario le persone che più facilmente potrebbero essere contagiate dal coronavirus in base all’età, ad un’immunodepressione, ad una precedente infezione da Covid o ad altre malattie che rendono il lavoratore più vulnerabile rispetto agli altri, come può essere una patologia polmonare.

Se l’azienda non ha un medico di fiducia, il datore può nominarne uno oppure chiedere all’Inail di occuparsene, presentando la richiesta online tramite il servizio dedicato al quale si accede con lo Spid, con le credenziali Inps o Inail o con la Carta nazionale dei servizi. L’Inail invierà al datore la fattura senza Iva con il corrispettivo della prestazione.

Al termine della visita, il medico esprime il suo parere positivo o negativo sula possibilità per il dipendente di riprendere il suo lavoro. Nel caso in cui il parere fosse negativo, il lavoratore non può, comunque, essere licenziato.

carlos garcia – laleggepertutti

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Divieto bagaglio a mano in aereo: la Ryanair non ci stà

Avvicinare i comuni al Parco delle Madonie. Il Presidente Angelo Merlino, incontra le delegazioni territoriali