in , ,

Dissesto idrogeologico. Interventi in due comuni del Messinese

A Roccalumera, nel Messinese, i due torrenti Allume e Sciglio che attraversano le omonime frazioni verranno messi in sicurezza dopo un’attesa di oltre vent’anni. E’ l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che ha programmato la bonifica delle due fiumare.

E’ stata pubblicata la gara, per un importo complessivo di 2 milioni e mezzo di euro, relativa ai lavori di recupero e ricostruzione degli argini.

Si chiude così una vicenda che si rinnova da anni. Risale, infatti, al 1998 il progetto originario, arenatosi per difficoltà di ordine burocratico e per carenza di risorse finanziarie, nonostante la pericolosità dell’intera area che ha una classificazione R4 e, quindi, un indice di rischio molto alto. I residenti della frazione di Sciglio conservano ancora un nitido ricordo dell’esondazione che colpì la zona di San Nicola, facendo crollare i muri di contenimento e danneggiando terreni, impianti sportivi, manufatti e case.

Oggi, proprio allo scopo di scongiurare un peggioramento della situazione, la Struttura diretta da Maurizio Croce scende in campo. E’ prevista la regimentazione delle acque e la ricostruzione delle sponde, oltre che la rimozione di materiali e detriti. Si tratta di attività indispensabili per contrastare il fenomeno dell’innalzamento del letto dei due torrenti e la conseguente erosione al piede del pendio. Verranno inoltre realizzate delle briglie per uno sviluppo lineare di circa 850 metri lungo l’alveo dello Sciglio, per rendere più sicura la percorribilità della strada statale 114 che collega a Furci Siculo e Nizza di Sicilia e la fruibilità del lungomare.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Conti da ripianare in Sicilia tra rinnovi contrattuali e aumenti di stipendio

Oggi la Regione riapre i battenti in gestione provvisoria. Si parte dai problemi di bilancio