in , ,

Dopo il furto di cavi di rame, il giudice gli toglie il reddito di cittadinanza

Sono stati arrestati per furto di cavi di rame dal nastro trasportatore della centrale Enel di Brindisi e per due di loro il giudice che ha convalidato l’arresto e ha disposto anche la sospensione dell’erogazione del reddito di cittadinanza. E’ accaduto a Brindisi dove nei giorni scorsi i carabinieri hanno colto in flagranza quattro persone: Alessandro Coluccello, Tonino Ferrari, Salvatore Vitasevic e Roberto Galluzzo. Il valore della refurtiva ammonta, secondo le stime, attorno ai 30mila euro.
    Il giudice Angelo Zizzari, dinanzi al quale si è celebrata la prima udienza del processo per direttissima, ha convalidato l’arresto e ha poi rimesso tutti in libertà gli indagati sottoponendoli ad obbligo di firma. Per due degli imputati, Ferrari e Vitasevic, ai sensi del decreto legge del gennaio 2019, è stata disposta la sospensione del reddito di cittadinanza.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Addio bollo auto, ma arriva una tassa peggiore

Oltre 100 incendi mettono paura all’Australia