in , ,

Dopo mesi di incendi in Australia, il Nuovo Galles tira un sospiro di sollievo

Dopo mesi di incendi che hanno distrutto circa 3.000 case, danneggiato 1 miliardo di animali e moltissime aree protette come le Blue Mountains e le foreste pluviali del Gondwana, ma anche provocato la morte di una trentina di persone, il Nuovo Galles del Sud può finalmente tirare un sospiro di sollievo.

vigili del fuoco hanno annunciato che, per la prima volta, tutti gli incendi nello stato australiano sono sotto controllo, tranne qualche piccola eccezione nell’estremo sud. E ora, finalmente, possono aiutare le persone a ricostruire ciò che è andato perduto.

Il Servizio antincendio rurale del Nuovo Galles del Sud l’ha definita “una grande notizia“. Un risultato che si deve al duro lavoro dei vigili del fuoco, dei servizi di emergenza e delle comunità:

“Finora, in quella che è stata una stagione molto traumatica, estenuante e ansiosa di incendi boschivi, per la prima volta in questa stagione sono ora contenuti tutti gli incendi di arbusti ed erba nel Nuovo Galles del Sud. Ci sono voluti molto lavoro da parte di vigili del fuoco, servizi di emergenza e comunità per arrivare a questo punto.”

In what has been a very traumatic, exhausting and anxious bush fire season so far, for the first time this season all bush and grass fires in NSW are now contained.
It has taken a lot of work by firefighters, emergency services and communities to get to this point. #nswrfs pic.twitter.com/RhqmcYhJ1j

Purtroppo c’è da dire che le piogge torrenziali che hanno colpito in settimana il Nuovo Galles del Sud, pur avendo contribuito all’estinzione di almeno 30 incendi incluso quello terribile di Currowan, hanno anche provocato gravi inondazioni con tanto di evacuazione di diverse città e chiusura di moltissime scuole. Nella sola Sydney in 48 ore sono caduti “due mesi” di pioggia, allagando l’intera città.

Ma perlomeno il problema dovuto all’estrema siccità che ha colpito il paese sembra risolto. Speriamo che l’Australia si riprenda pian piano anche dalle alluvioni, ricostruendo con coraggio ciò che è andato distrutto.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Il contratto del Corpo Forestale di Sardegna non piace. Il sindacato SAF raccoglie le firme

Prevenzione in vista. Scatta l’allarme incendi in ciociaria