in , , , ,

Draghi: «Vacciniamoci, l’eterologa funziona. Io la farò martedì»

Una conferenza stampa non prevista. Ma urgente. L’ha indetta nel tardo pomeriggio la Presidenza del Consiglio per affrontare alcuni punti importanti sulle vaccinazioni contro il Covid-19.

Il premier Mario Draghi ha voluto mettere a fuoco alcuni punti del dibattito in corso, che sembra potere creare incertezze e gettare ombre sulla campagna vaccinale in corso in Italia, ammettendo che “indubbiamente c’è stata una certa confusione negli ultimi giorni”.

Draghi ha iniziato dalla questione della vaccinazione con il richiamo effettuato utilizzando un prodotto diverso rispetto alla prima iniezione. “L’eterologa funziona – ha detto, scendendo in campo personalmente -: io mi sono prenotato martedì per fare l’eterologa. Ho più di 70 anni” e la prima dose con Astrazeneca “ha dato risposta bassa e mi si consiglia di fare l’eterologa. Quindi se funziona per me e ancor più vero chefunziona per chi ha meno di 70 anni e meno di 60 anni”.

“Ora – ha sottolineato – la sfida principale non è vaccinare i 12enni o 13enni, bisogna farlo ma bisogna andare a cercare tutti coloro che hanno più di 50 anni e non si sono ancora vaccinati. Questa è la sfida che abbiamo noi da vincere. Sono 2 milioni o poco più, il commissario Figliuolo lo sa meglio di me, ma questi sono quelli che si ammalano e devono essere vaccinati”.

“Nonostante tutta la confusione, è straordinario come la popolazione non mostri l’intenzione di diminuire la vaccinazione e di non vaccinarsi, è straordinario. Rispetto ad altri Paesi, è uno dei comportamenti più ammirevoli, ricordiamocelo”, ha fatto notare il premier. E ha aggiunto: “Pronti a chiarire ogni confusione ma il comportamento è veramente costante e straordinario”.

“Vaccinarsi è fondamentale- ha ribadito -. La confusione è su quale tipo vaccino fare a seconda delle condizioni”. Ma “se uno ha meno di 60 anni e gli è stato proposto di fare l’eterologa ma non vuole, questa persona è libera di fare la seconda dose di Astrazeneca purchè abbia il parere del medico e il consenso informato, bene”. Però “la cosa peggiore che si può fare è non vaccinarsi o vaccinarsi con una dose sola“.

In quanto alle mascherine il premier ha detto: “Domani inoltrerò la richiesta al Cts perché ci dica se le possiamo togliere oppure no. Ma non ci sono date”. E sullo stato di emergenza: “decideremo
quando saremo vicini alla scadenza. Anche perché un’emergenza è un’emergenza, non si può decidere con
un mese e mezzo di anticipo”.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Richiesta avviamenti Forestali 151nisti e 101nisti a Ragusa

Italia in zona bianca ma preoccupa la variante Delta. Quarantena per chi arriva dalla Gran Bretagna