in , , ,

Emergenza freddo, stazioni metro aperte per i clochard

Viste le avverse condizioni meteorologiche che interessano la città di Napoli e il brusco calo di temperature delle ultime ore, l’assessore alle Politiche Sociali Monica Buonanno informa che è stato attivato il piano “anti-freddo”: da questa sera 29 dicembre e per un periodo di 10 settimane le stazioni della metropolitana “Museo” e “Municipio” resteranno aperte dalle ore 23,00 alle ore 05,00 con la possibilità di utilizzare i servizi igienici presenti all’interno delle stesse. Gli ambienti verranno quotidianamente sanificati per permettere l’utilizzo delle stazioni da parte di passeggeri e persone senza dimora.

«L’apertura delle stazioni della metropolitana – spiega l’assessore – si aggiunge al programma di azioni trasversali attivate da marzo, ottimizzate per fornire supporto, sostegno, pasti caldi e accoglienza a chi ne ha bisogno, coordinate insieme alla rete del Terzo Settore, del volontariato e del Tavolo sulle Povertà. Restano sempre attive le strutture “La Palma” e “La Tenda”, oltre al dormitorio pubblico diventato residenziale; è sempre possibile contattare la Centrale Operativa Sociale al numero 081/5627027, servizio attivo dalle 16,00 alle 08,00 oppure inviare una mail all’indirizzo sos.senzadimora@comune.napoli.it per segnalare la presenza di senza dimora nelle strade cittadine per un immediato aiuto da parte delle Unità Mobili di Strada. L’Amministrazione comunale come sempre pone massima attenzione ai cittadini più fragili e, anche se tra molte difficoltà, sta esplorando quali iniziative porre in essere per coniugare dignità e solidarietà, accoglienza e decoro, inclusione e sostegno».

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Terremoto, scossa di magnitudo 6.3 in Croazia, avvertita in Italia nelle regioni adriatiche e nel Veneto

Contrari alla “Zona Rossa”, i commercianti di Ragusa chiedono il risarcimento danni a Musumeci