in , , ,

I Forestali delle Madonie chiedono di mantenere l’orario estivo fino a conclusione delle giornate

qqqCon l’arrivo della stagione invernale i lavoratori forestali delle Madonie e non solo, mettono in atto la volontà di poter continuare l’attuale attività lavorativa con l’orario estivo fino a conclusione delle giornate di garanzia occupazionale.

Una situazione dettata dal fatto che nonostante qualche bella giornata in questo periodo, non vieta il fatto di poter pensare di mettere in atto di lasciare definitivamente tale orario. Parliamo delle 39 ore settimanali suddivise in 6 giorni con orario che và dalle 07.00-13.30. L’orario invernale che dovrebbe scattare dal 1° Novembre  è suddiviso su 5 giorni, con orario che và dalla 07.30 alle 16.00 con pausa pranzo di mezz’ora. Tale orario nella giornate di freddo,neve e gelo, in aggiunta all’ora legale porta i lavoratori forestali delle alte Madonie ma non solo, a malumori su giornate pesanti e cupe nonostante il lavoro.

Tale attuazione è già stata effettuata per l’intero anno dal nuovo dirigente dell’azienda Foreste di Catania che ha accolto la proposta dei sindacati su suggerimento degli stessi operai che lamentavano tale situazione. Sarebbe opportuno, prendere in considerazione di attuare tale situazione anche a Palermo, a ridosso delle giornate che si accorciano e diventano buie  anche nel primo pomeriggio. Una situazione che fa comodo ai lavoratori che seppur debbano lavorare nella giornata di sabato , possono avere una mezza giornata a disposizione e/o rientrare a casa a ridosso di piogge e maltempo, soprattutto nella alture e nei territori montani, dove la pausa pranzo di soli 30 minuti, sotto acqua, freddo e neve non è certamente un bel gustare al cospetto di un pasto caldo e con la propria famiglia.

Un appello lanciato e da valutare per il dirigente del Servizio di Palermo Vincenzo Lo Meo che potrebbe considerare la fattibilità anche a Palermo e provincia

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Il dopo ciclone Vaia. I cittadini piantano 16.500 alberi

Immobile inagibile: bisogna pagare la Tari ?