in ,

I Forestali campani provocano il Governo Regionale. “Ci candidiamo noi”

La provocazione: voto in Regione? Candideremo i nostri referenti, un nostro gruppo politico, solo così sentiranno la nostra voce. Intanto lettera appello ai consiglieri di Palazzo Santa Lucia

Pensano a creare un proprio gruppo politico da schierare alle prossime regionali i lavoratori forestali precari della Campania, che attendono da vent’anni la tanto agognata stabilizzazione. Una provocazione, un appello diretto alla politica, da troppo tempo sorda alle loro richieste. Oltre cento lavoratori idraulici forestali precari di tutta la Campania oggi pomeriggio si sono radunati ad Avellino, al centro sociale Samantha Della Porta, per lanciare un appello al Governatore De Luca sulla loro situazione lavorativa, sul dramma lavoro che non trova soluzione di sorta da quasi venti anni. Una vertenza aperta da quasi due decenni, che vede al centro il destino di 1500 precari, che da cinque anni hanno ottenuto, proprio grazie all’impegno diretto di De Luca, contratti stagionali, a tempo, che non risolvono l’annosa questione.

“Vista  la fase  di stagno in cui versa in questo  periodo la nostra vertenza siamo stremati – spiega Pasquale Larotonda, lavoratore Forestale Alta Irpinia -. Siamo1500 precari, ad oggi  disoccupati  a tutti  gli effetti  di legge. Ad oggi  siamo fermi al 50 % dei fondi del 2019 come erogazione da parte della Regione , visto che ad oggi  21 gennaio  2020 non c’è ancora nessuna programmazione per il triennio  2020/21/22. La politica sembra averci dimenticati, quale fanalino di coda di un programma amministrativo che non ci vede coivolti. L’esasperazione la viviamo sulla nostra pelle, quella delle nostre famiglie e siamo pronti a costituire un comitato che possa essere il vero motore di nuove fasi di confronto”. 

Storie, volti, persone. Un dramma occupazionale che attraversa le cinque province e che richiama le tante emergenze territoriali, patite dal territorio. “Pensiamo alle frane, gli incendi, in cui puntualmente le amministrazioni si trovano a far fronte – spiega Vincenzo Montanaro Comunità Montana Monte Maggiore -. Siamo unità lavoro preziose che vengono, ahimè, lasciate a casa nonostante le chiare necessità di molte zone”.

Annunciato l’invio di una lettera/Appello  al Presidente  De luca e a tutti  i Consiglieri  Regionali  per chiedere un intervento diretto  sulla Stabilizzazione  dei Precari  e sulla questione  economica.

“Abbiamo deciso di inviare alle Organizzazioni Sindacali  Fai CISL Flai CGIL Uila UIL una lettera in cui si chiede di farsi carico delle nostre richieste  e di organizzare  da subito iniziative  unitarie  per sollecitare  risposte  nel più breve periodo  possibile – spiega Michele Napolitano della comunità montana Partenio Vallo Lauro -. Stiamo attivando un comitato  tra noi operai per rimettere in moto e riorganizzare  le iniziative  fatte nel 2015 , iniziative che ricordiamo si conclusero  con il famoso incontro  del 15 aprile 2015 con l’allora  candidato  Presidente  Vincenzo De Luca  ad Avellino”. La scadenza della consiliatura attuale è vicina e gli operai vivono con grande apprensione l’arrivo di una nuova campagna elettorale, che temano funga da volano di futili promesse.

Gli idraulici Forestali  della Regione Campania  , che tra Precari e non sono circa 3000, stanno anche valutando  di organizzarsi  come gruppo politico con la scelta di propri candidati in tutte le province.

“E qui precisiamo che, anche se sembrerebbe  una banalità, in un periodo  politico dove regna la confusione  ,sperando  che in Campania  non sia così,tutto è  possibile  e quindi  se’ c’è ne fosse  il bisogno  valuteremo anche questa  ipotesi  provocazione – spiegano in una nota -“.Dal canto suo Nunzio Corrado , operaio Provincia di Benevento, rimarca il dramma patito e la richiesta di una urgente soluzione, dopo anni di attese.

Dello stesso parere Michele Mattia referente salernitano che spiega come sia indispensabile il diretto coinvolgimento di ogni consigliere regionale, oltre ogni appartenenza polica, per un disagio che attraversa l’intero territorio campano.

Di seguito la lettera aperta inviata al Governatore De Luca

Oggi 21 gennaio  2020 in Avellino  , Noi Idraulici Forestali  di tutta la  Regione Campania  ci siamo  incontrati  e  quando  segue è cio che a Lei e a Voi  vi inviamo attraverso  questa lettera  Appello :

Nel ricordare che chi  scrive  sono gli stessi  che Lei/ Voi avete incontrato il 15 aprile  2015 ad Avellino,  quelli che in questi  5 anni  le hanno  già più volte  scritto  e quelli che in questi anni  vi hanno seguito tanto che Lei affettuosamente  ci disse che   ” oramai me li sono adottati ” …con una solo  differenza  abbiamo  tutti  5 anni in più.

E nel  ricordare  ,se mai ce ne  fosse bisogno , della Sua/Vostra  attenzione  verso di noi in questi anni ,.a Lei/ Voi  gli Idraulici Forestali  sono grati per averci  rianimati ,si perché  noi non dimentichiamo .

Detto  questo  però oggi noi le chiediamo  di concludere quel percorso  avviato  , perché  essere rianimati e rimanere  in terapia  per tutta la vita  vanifica  tutti gli sforzi fatti da Lei  e da questa amministrazione  e  con il tempo  ti chiedi se non era meglio  farla finita  subito…..

E giusto per mettervi a conoscenza che ,così come ogni anno , i 1500 Idraulici Forestali  precari dal 1 gennaio   2020  fanno parte dei tanti  disoccupati  Campani  ,si perché ogni anno dobbiamo  rifare la reiscrizione presso i centri  dell’ impego nelle liste dei disoccupati  ,quindi  ad oggi  disoccupati  a tutti  gli effetti di legge, andando così a gonfiare il numero dei senza lavoro , perché lavorare 6 mesi si e 6 mesi no , e soprattutto  con la preoccupazione  di non essere più  riassunti,  non lo si può chiamare certo  Lavoro…

Noi  in questi  anni vi abbiamo  creduto e abbiamo  riposto in Voi   tutte le nostre speranze ,non fate in modo  che il tutto  si trasformi  in un ennesima delusione . Con le  vostre  proposte/ promesse sulla Stabilizzazione  dei precari  Forestali e sul riequilibrio  economico  Voi ci avete ridato la speranza  di un futuro  senza paura e di una dignità riaquistata , però ad oggi  5 anni dopo ci risiamo…di nuovo la SPERANZA  che si affievolisce e la PAURA  che ritorna.

Nel ricordarle che chi oggi  le scrive oltre ad essere  un Idraulico Forestale precario ,e chi non è  un precario è un idraulico Forestale  che non sa quando prende lo stipendio …Noi siamo cittadini della sua Amata  Campania  ….giovani e meno giovani , padri di famiglia , diplomati  e non e anche  qualche  Laureato  che pur di non andare  via da i suoi affetti  e  dalla sua   Amata  Regione Campania  hanno scelto  un lavoro  forse più umile meno pagato…ma pur sempre un lavoro , e quando Lei dice “basta precariato  ” ” basta  fughe di giovani “…si ricordi che ci siamo anche  noi ….si perché  noi non siamo  cittadini di serie B …e soprattutto  siamo Campani che tra l’altro  hanno pure condiviso  il vostro percorso  politico…

Possibile  che si trovino  fondi per tutti  e tutto  e per i suoi ” figli  adottivi ” niente  …dissesto  idrogeologico  lavoro  che i Forestali  sanno fare bene e per questo  sono nati….manutenzione  strade  provinciali , lavoro  che i Forestali  già svolgono…Protezione civile lavoro  che è  previsto  per noi Forestali…e via dicendo…..nel ricordarle una sua frase del 15 aprile  2015 …. ” i caschi blu  del territorio ” ….

Sicuramente  noi siamo  consapevoli  delle difficoltà  in cui versa la politica  in questi  anni , ma in questo anni di sofferenza  e meno, Noi  abbiamo maturato  la consapevolezza  che la soluzione  al nostro  problema  e di una facilità  inaudita ,non ci vogliono scienziati  , ce bisogno  solo della volontà  politica  , per dirla  sempre con parole  sue del 2015 la ” Scelta Politica “…..in  5 anni molti  sono andati  in pensione  ,qualcuno  pure da precario  cosa vergognosa per una repubblica  fondata  sul lavoro…qualche euro del dissesto  idrogeologico  , qualche euro dalla manutenzione  viabilità,  qualche euro dalla  protezione civile…e qualche buona idea di qualcuno  dei tanti Consiglieri a lei vicino la soluzione  ci sta’ e pure subito !!!

Ci avviciniamo  a un un’altra  compagna elettorale  e senza fare strumentalizzazioni , le chiediamo  di non farcela vivere nel  segno della SPERANZA   e della  PAURA….e soprattutto  non faccia in modo che venga messa in discussione  la nostra  DIGNITÀ……cosa a cui Noi  teniamo… è  la prova di questo è la massiccia  presenza di tanti Idraulici Forestali  venuti  dalle  province  di Caserta,  Napoli,  Benevento  e Salerno  qui oggi ad Avellino  per sottoscrivere  questo APPELLO .

Confidando  nelle sue e vostre capacità  politiche e umane speriamo  che questo  lettera Apello  attiri le vostre attenzioni  in maniera  più incisiva e restando  in  attesa  Le e Vi  porgiamo i nostri  Saluti.

STABILIZZAZIONE  dei 1500 Precari subito      ( SCELTA  POLITICA )

Giuste RISORSE ECONOMICHE  per tutti  i 3000 Forestali   ( DIGNITÀ

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Le Sardine scrivono a Conte. “Non chiediamo riconoscimenti ma ascolto”

Tarda ad arrivare la riforma dei Forestali. Che si fà ?