in , ,

Il 2019 è stato l’anno più caldo di sempre anche per gli oceani.

Il 2019 è stato l’anno più caldo di sempre anche per gli oceani. Non soltanto l’Europa e l’Australia hanno registrato lo scorso anno le temperature più alte di sempre, anche il mare ha pagato dazio dal punto di vista del riscaldamento globale. Secondo un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Advances in Atmospher Sciences, la massa d’acqua oceanica si sarebbe riscaldata tanto da arrivare a +0,075 gradi centigradi rispetto alla media del periodo 1981-2010.

Secondo quanto affermato dagli scienziati tale innalzamento di calore avrebbe richiesto l’assorbimento, da parte dell’oceano, di circa 228 triliardi di joule: il calore assorbito negli ultimi 25 anni a causa del riscaldamento globale risulterebbe equivalente a 3,6 miliardi di bombe di potenza pari a quella di Hiroshima.Cambiamenti climatici: incendi come in Australia saranno la normalità

Ha spiegato Cheng Lijing, professore associato presso l’Istituto di fisica atmosferica dell’Accademia cinese delle Scienze nonché autore principale dello studio:

Questo riscaldamento dell’oceano è inconfutabile ed è un’ulteriore prova del riscaldamento globale. Non ci sono alternative ragionevoli per spiegare questo riscaldamento a parte le emissioni umane di gas che intrappolano il calore.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Basilicata. Sciopero dei lavoratori Forestali dinanzi alla Regione. “Vogliamo lo stipendio”

Nel pomeriggio inizia la discussione sull’esercizio provvisorio