Il lockdown non ferma la Peroni sulla raccolta dell’orzo 2020

Questa mattina, presso l’azienda agricola Borgo Pallavicini Mori sulla via Tiberina, Birra Peroni ha inaugurato la stagione di raccolta dell’orzo, un appuntamento fisso per tutti i soggetti coinvolti nella filiera Peroni. L’azienda birraria, attiva da oltre 170 anni, non ha interrotto la produzione durante il lockdown, inaugurando proprio in questi mesi la nuova linea di Asahi Super Dry a Roma, con un investimento di 8 milioni di euro.

La raccolta è stata l’occasione per presentare lo stato dell’arte degli investimenti che Peroni sta attuando su tutta la filiera, a partire dalle oltre 1.500 aziende agricole che coltivano circa 17.000 ettari di terreno, compresa la Malteria Saplo di Pomezia, che produce malto 100% italiano, ingrediente fondamentale delle birre Peroni.

Presenti all’evento: Enrico Galasso, Amministratore Delegato di Birra Peroni; Federico Sannella, Direttore Relazioni Esterne e Responsabile del Campus Peroni; Enrica Onorati, Assessore Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio.

Il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Teresa Bellanova, attraverso un video messaggio ha evidenziato: “la rilevanza della strategia di filiera, del rapporto fondamentale con la ricerca e l’innovazione che rinnovano il patto di alleanza con il consumatore consapevole”. Bellanova ha dichiarato inoltre: “È importante come da aziende di filiera come Peroni venga una sferzata di energia. È essenziale, a maggior ragione adesso, rafforzare l’impegno su internazionalizzazione ed export e agire sul posizionamento internazionale, sostenendo adeguatamente quelle eccellenze che la crisi ha indebolito”.

Durante la giornata sono state rilanciate inoltre le attività di Campus Peroni, punto di collegamento tra il mondo della filiera, il mondo della trasformazione e quello della formazione e della ricerca. Campus Peroni è il centro di eccellenza nato dalla collaborazione tra Birra Peroni e il Crea – Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’Analisi dell’Economia. L’obiettivo del progetto è infatti quello di promuovere e sostenere la cultura della qualità e della sostenibilità in ambito agricolo e cerealicolo, attraverso iniziative di formazione dedicate agli studenti.

I dipartimenti di Scienze Agrarie che hanno aderito al progetto sono quelli degli Atenei dell’Università di Teramo, Perugia, Firenze, Padova, Salerno e della Tuscia. Campus Peroni svolge attività di formazione anche per imprenditori agricoli, nel campo della produzione di orzo distico da birra, con particolare riferimento a tecniche colturali sostenibili nell’uso delle risorse naturali e ambientali, nonché sul tema dell’innovazione genetica. L’evento si è concluso con l’operazione di trebbiatura dell’orzo all’interno dell’azienda agricola

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Sicilia sempre piu’ a rischio desertificazione

Divieto bagaglio a mano in aereo: la Ryanair non ci stà