in , , , ,

Il vaccino contro il Covid è stato un regalo di Natale. Europa alle prese con la poca disponibilità di fiale

Ma oggi ci accorgiamo che le fiale non si trovano impacchettate sotto l’albero. L’Europa (ma non solo) è oggi alle prese con le difficoltà di produzione e di somministrazione. Perfino la virtuosa Germania, in testa nel continente per numero di iniezioni (165mila), deve fronteggiare interruzioni locali, dovute alla carenza di fiale, e problemi di mantenimento della catena del freddo, per la scelta di ordinare grosse quantità di vaccino tutte insieme. La Francia, la più arretrata fra le grandi nazioni europee, con poche centinaia di iniezioni, paga la grossa quota di cittadini scettici (una delle più alte del mondo) e la poca convinzione del governo. Da lunedì dovrebbero iniziare le somministrazioni fra il personale sanitario over 50. In Italia la distribuzione e la somministrazione stanno procedendo dal 27 dicembre senza intoppi. Eppure le dosi iniettate (quasi 50mila) finora sono il 10% di quelle arrivate.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Farmacista rimuove oltre 500 dosi di vaccino anti Covid dal freezer e le rende inutilizzabili

Mancanza di donne in giunta. Frase shock di Figuccia, 500 donne ne chiedono le dimissioni