in , , , ,

Incendi boschivi. In Sicilia la Protezione Civile si fà largo a danno dei Forestali Antincendio. Aumentano gli accordi con le città

Passano i giorni e gli incendi boschivi nel territorio siciliano continuano a fare il suo corso, con le città che notano la problematica e le difficoltà attinenti al settore, e dove la precarietà di servizi e mezzi da parte regionale lasciano il tempo che trovano. I sindaci e i prefetti e delle maggiori città siciliane stanno aumentando i giri al motore e seppur notano le difficoltà del servizio antincendio da parte del Corpo Forestale e, iniziano a pensare in proprio.

Una delle attività effettive e reali degli ultimi periodi è quella di mettere in atto dei protocolli d’intesa con la Protezione Civile e con i Vigili del Fuoco territoriale (visto che si occupano principalmente del centro urbano) per controllare e vigilare al meglio il territorio. A Catania il Prefetto ha richiamato i sindaci della provincia, quali autorità locali di protezione civile, a intraprendere le iniziative di salvaguardia della sicurezza pubblica da effettuare sui propri territori.

Punti strategici come la  “Oasi del Simeto e la Riserva Naturale Integrata di “Fiume Fiumefreddo“, sono punti caldi e soggetti a tutela ambientale. Da qui, l’accordo prevede il conferimento di risorse da parte della Città Metropolitana al Comando provinciale Vigili del Fuoco che in tal modo assicurerà una squadra, con relativi automezzi, dedicata all’intervento sulle aree più sensibili e dislocata presso la sede operativa del comando più vicina. L’attività sarà avviata dal 27 luglio e sarà attiva fino al prossimo al 28 agosto.

A Messina invece è stata programmata la campagna antincendio con la Protezione Civile, con servizi di volontariato o meno e che certamente darà un ulteriore supporto ai Vigili del Fuoco e allo stesso corpo forestale che ultimamente sembra rimanere defilato e messo agli angoli. Accordi anche per qualche mese e che mette in evidenza le ultime e recenti difficoltà che vive il settore Forestale.

La carenza di reperire e formare le squadre antincendio dei Forestali sembra aggravarsi giorno dopo giorno e questo fa capire che il futuro del settore rimane aggrappato ad un sottile filo, con un’agonia che si assottiglia continuamente . Tante le difficoltà perenni, che negli anni non hanno trovato risposte, dai DPI di sicurezza, mezzi obsoleti e parchi macchine mai sostituiti nonostante i proclami da parte Assessoriale, dai malumori interni degli stessi operai (in ultimo la selezione dei capisquadra con qualifiche dettate da amicizie e non da selezione dettagliata in base a capacità personale). Tanti addetti all’antincendio, sia per età inoltrata che per futuro incerto, abbandonano il proprio settore e preferiscono passare alla manutenzione e non vengono rimpiazzati, in virtù anche della possibilità che loro hanno. Una possibilità che i colleghi “dell’Azienda” non possono usufruire per un errore assurdo e non digerito dai braccianti agricoli, che attribuiscono colpe ai sindacati rei di aver applicato il famoso art. 12 e unire le graduatorie sotto un unico tetto.

Qualifiche che mancano e servizio dunque che rischia di scomparire a danno proprio della Protezione Civile che pian piano si sta “accaparrando” il settore con la Regione Sicilia che ad oggi avalla il tutto. Se poi a questo, uniamo le convenzioni fatte con il servizio aereo possiamo dire che …..il pranzo è servito.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Un probabile lockdown in Sicilia sulla questione Covid, preoccupa gli operai Forestali: “Non possiamo fermarci ad Agosto”

Avviamento Forestale di Braccianti Agricoli per il distretto 9 – Palermo