in , ,

Incendi di materiali nocivi alla salute. E’ record in Emilia

Come si evince dalle statistiche del Corpo dei Vigili del Fuoco, gli incendi e le esplosioni, in generale sono in aumento. I dati più aggiornati (Annuario Nazionale) risalgono al 2017 e parlano chiaro: sono cresciuti a livello nazionale rispetto all’anno precedente del 33,7% e in Emilia Romagna del 32,3%. Ed è sconcertante constare che nella provincia di Forlì-Cesena la medesima tipologia di eventi è aumentata del 41,4% nello stesso periodo”. A sottolinearlo è Tiziana Lugaresi, in passato attivista di Cesena Siamo Noi.

“Il cuore della Romagna, pertanto, se non è terra di fuochi, certo sembrerebbe esserlo di incendi. Anche per l’anno appena trascorso, sulla stampa ci si trova di fronte ad un elenco lunghissimo di roghi. Nella maggior parte dei casi sono eventi subito circoscritti e domati grazie alla tempestiva ed efficace opera dei vigili del fuoco e delle altre forze dell’ordine. Molti sono gli incendi boschivi. Anche di tutt’altro genere però: dalle auto ai furgoni, dalle roulotte agli autoarticolati, dai trattori agli autobus di linea, dai garage alle cantine, dai capannoni agricoli alle attrezzaie ed agli stabilimenti balneari. Perfino le imbarcazioni. Per non parlare degli appartamenti, i cui roghi appiccati in solai, tavernette, cucine, balconi, lavanderie, per fortuna solo in pochi casi hanno avuto esiti drammatici per le persone”. 

“Il fuoco ha distrutto anche, ma con impatti più devastanti, aziende di produzione: in particolare di imballaggi, pellami, di stoccaggio biomasse o di depositi rifiuti, ma non ne sono state immuni strutture di interesse pubblico come il depuratore di Cesenatico o l’impianto di compostaggio della Busca (pochi giorni fa). In tutti i casi , però, e qui arriviamo al punto, il danno non si è ripercosso solo sulle proprietà coinvolte, ma anche sulla intera collettività. I milioni di euro stanziati dalla Regione e dai Comuni per le bonifiche ambientali resesi necessarie dopo gli incendi più devastanti non vengono forse dalle tasche dei contribuenti? E poi c’è l’aspetto più importante: quello delle ricadute sulla salute delle persone. Con buona pace di Arpae, che, sempre solerte con i suoi sempre presenti operatori sui luoghi dei disastri monitora l’eventuale inquinamento dell’aria e delle acque, ma i responsi, si ripetono quasi sulla stessa falsariga, e mirano evidentemente a rasserenarci, tanto son benevoli. Tanto più che nei comunicati spesso compare la favorevole circostanza dei venti che vanno verso l’alto (quando si dice essere fortunati) e, come una mano santa, trasportano i veleni lontano”. 

“La verità invece è che – secondo Lugaresi – “ogni processo di combustione produce sostanze inquinanti, e soprattutto anidride carbonica, uno dei gas responsabili del cosiddetto effetto serra”. (“Enciclopedia Treccani). Non ci si venga pertanto a raccontare che questi continui roghi di materiali anche molto pericolosi non producano effetti sulla qualità della nostra aria già così pesantemente compromessa e quindi sulla nostra salute. E siccome, come riporta un’ampia letteratura, le cause accidentali costituiscono una percentuale minoritaria rispetto ad altre comunque legate a comportamenti umani includenti l’inadeguata prevenzione, gli interrogativi sono i seguenti. Non siamo forse un territorio avanzato per cultura, rispetto delle regole e comportamenti responsabili? Un luogo dove i sistemi di protezione sono da tempo adottatati? Dove i procedimenti costruttivi sono all’avanguardia? Le corrette manutenzioni, l’uso di tecnologie di prevenzione sempre più avanzati? Il concetto di responsabilità sociale d’impresa diffusamente acquisito? Perché dunque tanti incendi?”. “

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Comunicato congiunto SINALP – USI – CONFSAL incontro con Amministratori Straordinari della Meridi srl titolare del marchio FORTE’

Altro vento forte in arrivo sul Lecchese: chiudono i parchi della città