in , , ,

INPS: arrivano i soldi per RdC, Naspi, Rem e bonus. Le date

Mancano poche ore all’arrivo di dicembre, e così con l’ultimo mese dell’anno sono in arrivo anche i pagamenti da parte dell’Istituto INPS, non solo per le pensioni e per la Naspi, ma anche per le indennità previste dal Governo italiano per aiutare le famiglie e i lavoratori italiani, come il reddito di cittadinanza, il reddito di emergenza e i bonus bebè.

Inoltre, il mese di dicembre 2020 sarà segnato anche dall’erogazione di nuovi bonus, tra questi il bonus cashback e un nuovo bonus previsto per i lavoratori italiani particolarmente colpiti dalla crisi economica provocata dall’arrivo del Coronavirus

Ogni beneficio sarà però erogato da parte dell’Istituto INPS seguendo modalità e calendari diversi tra loro, anche sulla base del metodo di pagamento scelto dai cittadini italiani che usufruiscono dell’indennità o del bonus e sulla data in cui è stata presentata per la prima volta la richiesta di riconoscimento del beneficio. 

In merito alle pensioni di vecchiaia e le pensioni di invalidità, occorre specificare che l’INPS, in collaborazione con Poste Italiane ha previsto il pagamento anticipato delle pensioni, al fine di evitare la creazione di possibili assembramenti. 

Ecco tutti i dettagli in merito al nuovo calendario per i pagamenti previsti per il mese di dicembre 2020, quale sarà l’ammontare degli importi e chi saranno i fortunati che potranno ricevere in anticipo i soldi per i bonus e le varie indennità previste dal Governo.

Pagamenti INPS e Reddito di emergenza: quando arrivano i soldi

Il reddito di emergenza, si configura come una delle indennità previste dal Governo italiano al fine di offrire aiuto a centinaia di migliaia di famiglie italiane che risultano essere in una condizione economica difficile a causa dell’arrivo dell’emergenza sanitaria del Coronavirus. 

A tal proposito, in seguito all’approvazione e alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del più recente decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, noto anche come Decreto Ristori, il reddito di emergenza è stato caratterizzato da un’ulteriore proroga

Dunque, grazie al Decreto Ristori coloro che hanno già percepito le altre tre rate che erano state già precedentemente previste con lo scoppiare dell’emergenza del Covid-19, potranno ricevere le mensilità aggiuntive, relative ai mesi di novembre 2020 e dicembre 2020. In questo caso, questa categoria di beneficiari potrà ricevere le due mensilità in maniera automatica. 

Al contrario, coloro che non hanno mai presentato la domanda o la cui domanda era stata precedentemente rifiutata, dovranno farne esplicitamente richiesta entro il 30 novembre 2020. 

Per quanto riguarda il calendario delle date, i beneficiari del reddito di emergenza, potranno ricevere l’accredito automatico della mensilità del mese di novembre già a partire dal giorno 27 novembre. In merito invece alla mensilità di dicembre 2020, la rata potrebbe arrivare già entro Natale. 

I nuovi beneficiari dovranno invece aspettare almeno un mese per l’elaborazione delle domande stesse, per cui potrebbero ricevere la mensilità del mese di novembre 2020, entro la fine del mese di dicembre. Mentre la rata di dicembre potrebbe arrivare ai nuovi beneficiare intorno alla prima metà di gennaio 2021.

L’accredito del reddito di cittadinanza prima di Natale

Il reddito di cittadinanza, noto anche come RdC, rappresenta uno dei sostegni economici più richiesti da migliaia di famiglie italiane che si trovano al momento in una situazione economica e lavorativa difficile. 

Per quanto riguarda il pagamento INPS previsto per il reddito di cittadinanza per il mese di dicembre 2020, il calendario classico degli accrediti ha subito ulteriori variazioni in vista delle feste natalizie. 

Infatti, nonostante solitamente il giorno tradizionale in cui si predispongono gli accrediti da parte dell’INPS per il reddito di cittadinanza, corrisponde al 27 del mese, per il mese di dicembre il sussidio sarà corrisposto tra i giorni 21 e 24 di dicembre 2020.

Per coloro che invece non hanno ancora mai beneficiato del reddito di cittadinanza o che aspettano la prima rata successiva a quella del rinnovo, il pagamento INPS del RdC sarà effettuato intorno alla metà del mese di dicembre

Si ricorda che il pagamento INPS relativo al reddito di cittadinanza, potrà avvenire esclusivamente mediante l’accredito sull’apposita carta elettronica, chiamata infatti carta reddito di cittadinanza, che sarà ritirata dall’intestatario presso gli uffici postali. 

Calendario a scaglioni per il ritiro delle pensioni in posta

Come molti sanno, a partire dal mese di marzo 2020, mese in cui è esplosa l’emergenza sanitaria da Coronavirus, il ritiro delle pensioni e l’accredito dei soldi sul conto corrente da parte dell’INPS ha subito notevoli cambiamenti rispetto al calendario che era stato precedentemente fissato per l’anno corrente. 

Effettivamente, in rispetto dell’ordinanza numero 708 del 22 ottobre 2020 approvata da parte della Protezione Civile, l’INPS ha dovuto provvedere ad un nuovo calendario del ritiro delle pensioni anche per il mese di dicembre. Così, anche in questo caso migliaia di pensionati potranno ricevere in anticipo la propria pensione.

A questo proposito, il calendario delle pensioni, prevede che il ritiro presso gli uffici postali avvenga a scaglioni, differenziati sulla base delle iniziali del cognome dei pensionati a cui è intestato l’assegno. 

Dunque il calendario pensioni del mese di dicembre prevede le seguente date di ritiro dell’assegno pensionistico in contanti: 

  • Iniziali cognomi A-B: mercoledì 25 novembre 2020;
  • Iniziali cognomi C-D: giovedì 26 novembre 2020;
  • Iniziali cognomi E-K: venerdì 27 novembre 2020;
  • Iniziali cognomi L-O: sabato 28 novembre 2020;
  • Iniziali cognomi P-R: lunedì 30 novembre 2020;
  • Iniziali cognomi S-Z: martedì 1° dicembre 2020.

Per quanto riguarda invece quei pensionati che hanno scelto come modalità di accredito della pensione quello del conto corrente, questi riceveranno il pagamento INPS sulla base delle normali date e modalità di pagamento, ovvero il primo giorno bancabile del mese, dunque il 1° dicembre 2020.

Bonus bebè: quando arriverà l’assegno di maternità

Per quanto riguarda il bonus bebè, ovvero quel contributo economico che viene riconosciuto mensilmente a tutte le famiglie italiane che hanno un figlio nato o adottato con un’età inferiore a un anno. 

In merito alla data in cui sarà effettuato il pagamento INPS destinato al bonus bebè, non è ancora stato fissato un giorno fisso in cui sarà versato l’incentivo alla natalità, ma solitamente avviene intorno al dodicesimo giorno del mese.

Tuttavia, è bene specificare che durante gli ultimi mesi, l’INPS ha provveduto ai pagamenti del bonus bebè soltanto a fine mese.

In arrivo anche le indennità Covid: le date

Stanno proseguendo continuamente gli accrediti INPS per quanto riguarda i vari bonus una tantum che sono stati previsti per affrontare l’emergenza sanitaria del Coronavirus e aiutare economicamente le famiglie italiane in difficoltà.

Probabilmente, durante la prima metà del mese di dicembre saranno effettuati i pagamenti previsti per i bonus onnicomprensivi dal valore di 1.000 euro e 800 euro, a seconda della categoria di lavoratori. Si ricorda che questi bonus saranno destinati ai lavoratori stagionali, collaboratori sportivi, lavoratori dello spettacolo ecc. 

pagamenti INPS saranno effettuati in maniera automatica per coloro che hanno già beneficiato in precedenza degli altri bonus previsti dai vari decreti-legge.

Mentre per i nuovi beneficiari, i quali dovranno presentare la domanda per il nuovo bonus entro il 18 dicembre, il pagamento dovrebbe avvenire entro fino dicembre. 

Naspi: quando arriva la disoccupazione 

Anche a dicembre saranno versati i soldi destinati al pagamento della tredicesima, per quanto riguarda gli stipendi del settore pubblico. l’accredito dovrebbe avvenire tra i giorni 14 e 16 del mese di dicembre 2020. 

In merito alla Naspi, non vi è un giorno predefinito per gli accrediti dei pagamenti, ma solitamente l’assegno viene effettuato oltre il quindicesimo giorno di ogni mese.In evidenzaCondividi

Sblocca funzionalità esclusive.

Porta la tua esperienza di lettura al livello successivo quando ti iscrivi a Pocket Premium.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Bollo auto: chi non lo paga secondo la Cassazione

La condizione di lavoro in Sicilia. Il Sinalp incontra Musumeci