in , , ,

Marea nera in California, la causa è un’apertura nell’oleodotto sottomarino

Secondo la Guardia costiera americana, sarebbe stata l’ancora di una nave cargo a provocare la rottura del condotto

Sarebbe stato un colpo di ancora di una nave cargo a rompere l’oleodotto della piattaforma Elly, davanti a Huntington Beach, nella bassa California, e a provocare venerdì scorso una delle fuoriuscite di petrolio più drammatiche della storia californiana.

La notizia arriva dal Los Angeles Times che ha riportato i risultati di un’ispezione compiuta dalla Guardia Costiera americana su una nave ad Oakland. L’azienda Amplify Energy, che possiede l’oleodotto e le piattaforme Elly, ha affermato che secondo le analisi “il petrolio sarebbe colato attraverso uno squarcio di 33 centimetri nell’oleodotto, che sembrerebbe spostato, quasi “tirato come un arco” rispetto a dove dovrebbe essere“. In condizioni normali, nella baia non devono sostare molte navi contemporaneamente. Ma in epoca post Covid le operazioni di consegna merci sono rallentate e l’affollamento è maggiore del solito.

Huntington Beach, paradiso dei surfisti e dimora di molte specie animali è stata sommersa da una marea nera con 572.000 litri di petrolio che hanno contaminato profondamente un’area di almeno 33 chilometri quadrati. Il lavoro tempestivo degli operatori e le barriere poste di fronte alla spiaggia non sono riusciti a contenere gli effetti negativi della fuoriuscita, soprattutto a Talbert Marsh, riserva ecologica della zona, dove sono arrivate sulla costa già centinaia di pesci e uccelli senza vita. E i problemi persisteranno ancora a lungo sulle specie animali e vegetali della zona, molto frequentata anche da balene in migrazione.

Il sindaco Kim Carr ha fatto sapere che “le spiagge fino a Newport Beach potranno rimanere chiuse per intere settimane, forse mesi” e ha definito l’evento una vera “catastrofe”. Effetti negativi anche sull’economia locale, visto che la terza giornata del Pacific Airshow è stata cancellata per permettere le operazioni sulla costa.

What do you think?

Written by forestalinews

Per contattarci cliccate sulla busta sopra. Saremo lieti di rispondervi :)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comments

0 comments

Si allenta il piano Covid. Apertura delle discoteche

SINALP ed ARTICOLO 1 Stabilizzazione Forestali per la dignità dei lavoratori e scongiurare il default della Regione per la Sentenza del Tribunale di Ragusa